14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15
Palermo

Posizionato di notte nell'area parcheggio del carcere

Ucciardone: al via il cantiere del Carro per il 395° Festino di Santa Rosalia | VIDEO

21 Marzo 2019

Guarda il video in alto

Dove abbonda il peccato sovrabbonda la grazia” si legge nei testi sacri: è questa la frase che ci è venuta in mente assistendo allo spostamento del Carro del Festino di Santa Rosalia che, la scorsa notte, è stato condotto dentro il carcere dell’Ucciardone.

Che si creda o meno alla storia della Santuzza non è discriminante in questo contesto: fatto è che la possibilità concreta che persone, al momento ospitate dentro una casa di reclusione, possano con il loro lavoro contribuire fattivamente alla principale ricorrenza religioso-antropologica della città è sì un’iniziativa a risvolto sociale ma, soprattutto, testimonianza che attraverso la “cultura”, in senso lato, passa il riscatto umano.

Carro Festino Ucciardone

Nell’area parcheggio, infatti, verrà allestito il cantiere, visibile dall’esterno, per la costruzione del nuovo Carro, per l’edizione 2019.

Il passaggio dai Cantieri della Zisa all’Ucciardone è stato un momento storico, come hanno sottolineato il sindaco Orlando, Rita Barbera la direttrice del carcere e Lollo Franco, direttore artistico del Festino, presenti, tra gli altri, sul posto insieme a Vincenzo Montanelli, direttore organizzativo del 395° Festino. È la prima volta, nella storia, che il Carro verrà realizzato, sotto gli occhi della città, e dai detenuti.

spostamento Carro

Per lo spostamento del vecchio Carro, che misura dieci metri per cinque e pesa cinque quintali, sono state impegnate più di quaranta persone tra Forze dell’Ordine, Polizia di Stato, Polizia Municipale, Protezione Civile e Comparto dell’Organizzazione, e otto mezzi coinvolti, tra cui mezzi pesanti, gru e mezzi di staffetta.

Il cantiere per la realizzazione del nuovo Carro Trionfale, su progetto di Fabrizio Lupo che coadiuverà il lavoro con i detenuti, durerà circa quattro mesi; partendo da un oggetto simbolo in dotazione agli ospiti del carcere, uno sgabello di ordinanza borbonica, verrà sviluppato e assemblato per poi essere nuovamente spostato nell’area parcheggio di Piazza del Parlamento, per la rifinitura, gli assemblaggi definitivi e gli impianti audio e luci, in vista del 14 luglio 2019.

Lo spostamento del Carro ha segnato, infine, l’apertura ufficiale di #aspettandoilfestino2019, calendario di incontri che condurranno ai festeggiamenti finali, a luglio, del 395° Festino di Santa Rosalia.

 

 

 

 

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.