18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.31
Caltanissetta

Un sodalizio criminale fra colletti bianchi e membri di Cosa nostra

Un comitato con mafiosi, funzionari pubblici e imprenditori nel Nisseno per gestire rifiuti e appalti, coinvolti in 16

9 Luglio 2018

Militari del nucleo Pef della guardia di finanza e de comando provinciale dei carabinieri di Caltanissetta hanno eseguito un’ordinanza di misure cautelari personali nei confronti di 16 indagati emessa dal Gip, su richiesta della Dda della Procura Nissena.

Il blitz di stamattina fa riferimento a presunti rapporti tra mafia e pubblica amministrazione per gestire ampie fette di potere.

Le indagini avrebbero permesso di far luce su un “comitato d’affari“, composto da appartenenti a Cosa nostra, funzionari comunali e imprenditori, che, secondo l’accusa, ha condizionato illecitamente gli appalti pubblici gestiti dal Comune di San Cataldo nei settori dei rifiuti e dell’edilizia.

I nomi degli arrestati saranno resi noti nel corso della mattinata.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.