22 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.51
Catania

È di Acireale

Una siciliana tra le “Donnavventura”. Dal 14 gennaio le nuove puntate [FOTOGALLERY]

5 Gennaio 2018
Donnavventura, Marianna Caldareri
Donnavventura, Marianna Caldareri
Donnavventura, Marianna Caldareri
Donnavventura, Marianna Caldareri
Donnavventura, Marianna Caldareri

Una delle nuove protagoniste del programma tv Donnavventura, sarà Marianna Caldareri, da Acireale (CT). La giovane 28enne è stata selezionata dal programma Mediaset fra oltre 165.000 candidate. (SCORRI IN ALTO LA FOTOGALLERY)

Donnaventura è l’avvincente format di spedizioni “al femminile” nelle terre più affascinanti e remote del globo; è l’occasione concessa a ogni donna, che realmente lo desideri, di diventare, almeno per una volta nella vita, reporter di viaggio.

Marianna si è trasferita a Milano per laurearsi in interior design e scenografia, ed è pronta a diventare per 100 giorni reporter e a cimentarsi in un’emozionante spedizione nei luoghi più remoti e inesplorati della Terra. Il programma tv dedicato ai viaggi partirà domenica 14 gennaio, alle ore 14:00 su Rete 4. La nuova stagione sarà intitolata “Donnavventura: Africa e Oceano Indiano“.

Le protagoniste della spedizione sono state scelte, dopo varie fasi di preselezione, durante l’evento di selezione finale che si è svolto nella ormai tradizionale cornice di La Thuile, in Valle d’Aosta. In 100 sono state convocate all’evento: si sono cimentate in test di guida, provini video e prove attitudinali. Solo 8 le prescelte che hanno affrontato una settimana d’addestramento, supervisionate anche dagli Istruttori della Sezione Sci Alpinistica del Centro Addestramento Alpino dell’Esercito Italiano, che nella caserma “Monte Bianco” di La Thuile hanno una delle loro sedi addestrative.

Ecco la foto-gallery delle selezioni:

«Partiremo dal Kenya – si legge in una nota del programma – con i suoi meravigliosi parchi nazionali, mete d’indimenticabili safari. Raggiungeremo l’Etiopia, dove incontreremo i popoli e le tribù della Valle dell’Omo, andremo alla scoperta delle bibliche chiese di Lalibela e ci spingeremo giù verso il cuore della terra, nella depressione della Dancalia. Zanzibar e il Mozambico ci offriranno i colori delle spiagge e delle acque più amate dagli europei e non potrà mancare l’arcipelago più ambito dell’Oceano Indiano, quello delle Maldive, dove allestiremo un inedito campo base su di un’isola incontaminata, rinominata “Donnavventura Island”, per poi andare alla scoperta dei suoi meravigliosi ed esclusivi atolli».

Qui la foto-gallery con la sintesi della spedizione:

Ecco le nuove protagoniste:

ALESSIA: 22 anni, nata a Tirano (Sondrio), da circa tre anni vive a Milano, dove studia comunicazione, media e pubblicità. ARIANNA: 29 anni, di Milano, interior designer e scenografa di cinema e tv.

CHIARA FRANCESCA: 24 anni, di Vimodrone, in provincia di Milano, laureata in linguaggi dei media.

FELICITAS: 23 anni, nata a Tandil, in Argentina, frequenta il terzo anno di Relazioni Pubbliche e Comunicazione d’Impresa a Milano. MARIANNA: 28 anni, siciliana, si è trasferita a Milano per laurearsi in interior design e scenografia.

MARIANNA: 28 anni, siciliana, si è trasferita a Milano per laurearsi in interior design e scenografia.

VANESSA: 25 anni, metà Riccionese e metà Toscana, insegnante internazionale di Yoga. E le veterane, che si sono alternate nel corso della spedizione:

ANA: 33 anni, di Udine, “storica” Donnavventura dal 2009.

CHIARA: Donnavventura dal 2006, la “voce” del programma e l’autrice dei testi.

VALENTINA: 26 anni, di Vittorio Veneto, Donnavventura dal 2012

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.