20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57

Una storia diversa nel mondo degli istituti per la beneficenza e assistenza

Una storia di rilancio nel mondo degli Ipab mentre all’Ars arrivano due testi di riforma

2 Agosto 2018

Mentre la crisi degli Ipab (istituti per la beneficenza e assistenza) in Sicilia continua a macinare i numeri di una crisi che somiglia sempre più a un coma irreversibile e gli enti appaiono privi della possibilità di reagire, senza uscire dal baratro in cui sono piombati negli ultimi anni, l’Ars sta per mettere mano, in tempi più o meno coincidenti, a due disegni di legge di riordino del settore.

Uno, quello già anticipato da IlSicilia.it nei giorni scorsi firmato da Roberto Di Mauro e Angela Foti e un altro invece a cui sta lavorando più organicamente la maggioranza di centrodestra.

Oggi in Sicilia ci sono 134 Ipab suddivise in 87 comuni per un totale di 2649 posti letto. Catania dà alloggio a 25  di questi enti e Palermo 24. Ad essere ospitati sono prevalentemente anziani (2281), ma anche minori (203), disabili (55), donne in difficoltà (42). Al 2016 solo 3 istituti risultavano privatizzati.

Intanto nel complicato mondo socio-assistenziale siciliano in cui non si trovano con facilità risposte certe, un po’ a sorpresa, c’è la storia di una ripartenza che merita di essere raccontata. È quella del “Collegio di Maria” di Cinisi.

A ottobre del 2017, al termine di una serie di difficoltà di non poco conto, era arrivata la sospensione delle attività della comunità alloggio per minori. A febbraio, con la nomina del nuovo commissario Giovanni Del Bosco, funzionario regionale, si riapre lo scenario attraverso una fitta ed intense rete di interlocuzioni con il Dipartimento delle Politiche per la Famiglia di via Trinacria a Palermo.

Da pochi giorni infine è stata riattivata una delle due comunità alloggio per minori. Soddisfazione è stata espressa dal commissario straordinario Giovanni Del Bosco: “Voglio ringraziare l’assessore Mariella Ippolito il sindaco di Cinisi Gianni Palazzolo, e gli uffici che hanno collaborato pienamente a questa idea. Grazie all’interesse che hanno mostrato nei nostri confronti oggi possiamo ripartire con le attività”. Del Bosco poi continua: “Per noi questo è solo l’inizio verso una fase di rilancio in un momento in cui gli enti di assistenza e beneficenza conoscono una pagina difficile di transizione”.

A breve sarà avviata a Cinisi anche una casa di riposo per anziani da 24 posti.

Nella speranza che questo possa essere il viatico per gli enti ancora “sott’acqua”, chiamati a far fronte alle difficoltà.

 

 

 

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.