21 ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 01.23
Tanti gli "effetti speciali"

“Valerian e la Città dei mille pianeti”, l’ultimo film di Luc Besson

3 ottobre 2017

Effetti speciali fantastici! La scena iniziale, è inutile nasconderlo, ci riporta per un attimo nel fantastico mondo di Avatar (2009) del geniale James Cameron.

L’incipit narrativo del film di Besson è bellissimo ed è accompagnato dall’ipnotico e stupendo “Space Oddity” di David Bowie, all’insegna della pace e della fratellanza dei popoli con una bella successione di immagini vere, la stretta di mano tra sovietici e americani del 17 luglio 1975 nella missione congiunta Apollo-Soyuz, e finzionali, che ci fanno tornare alla mente le moltissime strette di mano tra i disparati popoli spaziali della mitica serie Star Wars.

Da quel momento in poi la sequenza di immagini, con poderosi effetti speciali, si ispira magnificamente all’affascinate teoria dell’universo frattale.

Bastano solo questi pochi elementi, concentrati nei cinque minuti iniziali, per ripagare abbondantemente il costo del biglietto così come quando i napoletani andavano al San Paolo per vedere più che la partita Maradona in campo.

La sceneggiatura di Luc Besson, Pierre Christin e Jean-Claude Méziéres, è tratta da uno dei monumenti della serie fumetto francobollo dal titolo “Valerian and Laureline”, ideata e curata da Christin e Méziéres trascinati oggi da Luc Besson in questa avventura cinematografica. Fu una serie di comic frizzante, brillante, fantasiosa, divertente, che ha ispirato tantissimi film, ultimo in ordine di tempo quello appunto di Besson.

Va ricordato al nostro lettore che la serie fumettistica su carta “Valerian and Laureline” vide pubblicato l’ultimo episodio dal titolo “L’OuvreTemps” il 16 gennaio 2010, dopo 43 lunghi anni di successi.

Non credo serva scrivere altro per costringere il lettore di queste righe, appassionato di genere Action-Adventure-Fantasy,  a precipitarsi a vedere Valérian nel più vicino cinema.

Per onor di cronaca due righe sulla trama:

Siamo nell’anno del Signore 2740 e il potente Ministro della Difesa (Herbie Hancock) invia in missione segreta, nel caotico e intradimensionale Big Market del pianeta Kirian, l’agente governativo Maggiore Valerian (Dane DeHaan) e il sergente Laureline (Cara Delevingne), per recuperare l’ultimo convertitore Mül rimasto nell’universo. Quando Valerian e Laurelin raggiungono Alpha, la Città dei Mille Pianeti, il mistero della missione diviene intrigato e incomprensibile, e fa esplodere l’interessante narrazione filmica.

 

Scheda:

Titolo originale: Valérian and the City of a Thousand Planets

Regia di Luc Besson

Produzione Virginie Besson-Silla, Luc Besson

Distribuzione 01 Distribution

Sceneggiatura di Luc Besson, Pierre Christin, Jean-Claude Mezieres

Musiche di Alexandre Desplat

Con Dane DeHaan, Cara Delevingne, Clive Owen, Rihanna, Ethan Hawke, Herbie Hancock, Kris Wu, Rutger Hauer, Sam Spruell, John Goodman, Sam Douglas, Eric Lampaert, Emilie Livingston, Roman Blomme, Aurelien Gaya, Andrew Tisba, Alain Chabat

Trailer IT: https://www.youtube.com/watch?v=PY2Cne1WhCk

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Non mi appassiono
Perché non mi appassiono più alle vicende elettorali? Alla politica? In realtà non ho mai trovato grande trasporto per la materia... in passato mi sono cimentato con successo nelle competizioni, ma anche lì non ho nascosto un certo disagio...
LiberiNobili di Laura Valenti
La medicina è un’arte, non una garanzia
In media, si preferisce andare dal medico per qualunque questione di salute, dall’influenza alla schizofrenia, dalla sclerosi multipla alla sindrome di Tourette. Tuttavia non è una garanzia di cura né è detto che sia la migliore strategia.
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Vecchie e nuove povertà
Un fenomeno che contribuisce notevolmente alla disgregazione sociale e a insinuare un clima di insicurezza, di sfiducia e di rassegnazione.