22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.12
Palermo

L'ARRIVO ALLE 5:13 DI STAMANI

Vela, Palermo-Montecarlo: vince l’imbarcazione “Maxi Vera” | FOTO

24 Agosto 2019
Ph. Carloni - Raspar / CVS
Ph. Carloni - Raspar / CVS
Ph. Carloni - Raspar / CVS
Ph. Carloni - Raspar / CVS
Ph. Carloni - Raspar / CVS

Il Maxi Vera, imbarcazione dell’armatore argentino Miguel Galuccio, ha tagliato per primo il traguardo della 15/a Palermo-Montecarlo di vela. Lo scafo 82′, con a bordo, tra gli altri, la leggenda olandese della Volvo Ocean Race, Bouwe Bekking, e l’ex azzurro Michele Regolo, ha tagliato la linea d’arrivo, posizionata davanti a Montecarlo, stamattina alle 5,13, completando le quasi 500 miglia del percorso in due giorni, diciassette ore e tredici minuti.

Palermo - Montecarlo
Ph. Carloni – Raspar / CVS

Abbiamo fatto una scelta strategica diversa dagli altridice Bouwe Bekkinge all’inizio non sai mai se è stata una scelta giusta. La Palermo-Montecarlo è una regata eccellente, organizzata perfettamente, con un percorso spettacolare e impegnativo: è stata la mia prima volta e sono contento di averla disputata“.

A 30 miglia dall’arrivo – dice Michele Regolo, azzurro ai Giochi di Londra 2012 nel singolo Laser – il vento si è spento e abbiamo temuto che gli inseguitori ci recuperassero, poi abbiamo ripreso un po’ d’aria che, per fortuna, ha tenuto fino al traguardo di Montecarlo“.

Dopo Vera, il secondo scafo sul traguardo di Montecarlo è stato il 72′ Aragon di Arco Van Nieuwland e Andries Verder (alle ore 14); poi, alle 14,03, è toccato al Maxi 70′ Adelasia di Torres con Renato Azara; alle 14,05 all’Irc 52 francese Arobas di Gérard Logel e alle 14,34 al Volvo 65 estone Ambersail2 di Linas Ivanauskas.

Gli arrivi proseguiranno per tutta la notte, tempo limite per tagliare il traguardo le 12 di lunedì.

Vela: partita la Palermo-Montecarlo, è già testa a testa | FOTO

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.