19 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.17

A Venezia si gioca solo per la vittoria ....

Venezia-Palermo, ore 21.00 si gioca per vincere … Stellone conferenza stampa (VIDEO)

11 Marzo 2019

Per i rosanero un solo risultato possibile questa sera con il Venezia nel posticipo di serie B alle 21.00 e cioè la vittoria per riportare indietro le inseguitrici e prepararsi al controsorpasso con il Brescia nel suo turno di riposo e tornare la capolista.
E con questo spirito il Palermo affronterà i lagunari e se l’allenatore schiererà il modulo vincente e schiererà i giocatori nei loro ruoli naturali sfruttandone al meglio le caratteristiche la vittoria è, per noi, certa.
In ogni caso lo ripetiamo ancora stasera se il Palermo vincesse con il suo modulo preferito l’11-0-0 per lui e per tutta la squadra ma anche a tutti gli accompagnatori e tecnici solo un bel 10 e lode e via ai festeggiamenti … saremmo felici tutti lo stesso … al contrario di qualcuno non ci interessa dimostrare di avere ragione ma solo che il Palermo vinca e vada in serie A.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.