25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Palermo

Mercoledì 13 giugno vertice in Prefettura

Vertenza Ksm: si temono scioperi e disagi negli aeroporti di Palermo e Trapani

10 Giugno 2018

E’ incandescente la situazione tra le guardie giurate addette ai controlli e l’azienda per la quale lavorano, la Ksm, che gestisce il servizio di vigilanza e controllo presso gli aeroporti di Palermo Punta Raisi, Falcone e Borsellino, e di Trapani Birgi, Vincenzo Florio. In entrambi il personale è sul piede di guerra, pronto a ricorrere allo sciopero e a tutte le forme di protesta possibili per ottenere alcune indennità previste sulla base di accordi pregressi e che da qualche mese la società, in maniera unilaterale, non ha più riconosciuto. Il rischio, quindi, che l’operatività dei due scali possa essere fortemente compromessa è molto alto. Un pericolo da scongiurare soprattutto con l’avvio della stagione estiva. Per questo la Prefettura ha ritenuto opportuno convocare per mercoledì 13 giugno un vertice tra la Ksm e le organizzazioni sindacali nel tentativo di comporre la frattura e riportare tutto alla normalità.

La vertenza si trascina ormai da qualche settimana e già ha avuto, in diverse occasioni, ripercussioni negative per i passeggeri. “Accogliamo la convocazione della Prefettura, speranzosi che Ksm possa tornare indietro dalle scelte spregiudicate e unilaterali”, dichiarano Monja Caiolo e Salvo Leonardi segretari generali della Filcams Cgil Palermo e Sicilia. “I tagli delle indennità alle GPG sono tradotti in tagli di pezzi di salario non indifferenti – aggiungono – le indennità sono frutto di accordi passati che il sindacato aveva contrattato. Siamo molto preoccupati soprattutto in ambito aeroportuale dove la particolarità del servizio e del sito operativo richiedono massima attenzione anche per l’intera sicurezza nazionale, la perdita di salario, per una guardia giurata è superiore alle 200 euro mensili, in una media di stipendio poco superiore ai 1000 euro”.

La Filcams Cgil richiama anche l’attenzione della società che gestisce lo scalo di Palermo. “Nelle scorse settimane – concludono – abbiamo chiesto l’intervento della Gesap nella qualità di committente del servizio senza alcun riscontro. Senza una soluzione positiva dopo il tavolo prefettizio saremo costretti a proseguire la vertenza con il blocco del lavoro straordinario e la proclamazione di uno sciopero”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.