17 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.58
Palermo

La denuncia del consigliere comunale

Videosorveglianza scuole di Palermo, sicurezza a rischio, Figuccia: “Tra un mese scade la convenzione”

29 Maggio 2019

Continua ad arricchirsi la lista dei mancati interventi, da parte della Giunta Comunale di Palermo, sulle scuole del capoluogo siculo. Un settore, quello scolastico, che dovrebbe occupare i vertici delle priorità assolute per garantire la sicurezza e il benessere dei cittadini di domani.

Proprio un mese fa l’asilo nido comunale Santangelo, nel quartiere Uditore di Palermo, è stato oggetto di atti vandalici che avevano portato alla mancanza d’acqua nell’edificio. Già in quell’occasione Sabrina Figuccia, consigliere comunale dell’Udc, aveva richiesto l’intervento dell’Amministrazione comunale provvedendo con la videosorveglianza.

“Ormai è diventata una brutta abitudine- afferma la Figuccia- quella della Giunta comunale quando c’è di mezzo la scuola: invece di programmare e di prevenire, s’interviene quando ormai il danno è quasi fatto. Proprio un brutto vizio, quello del sindaco e dei suoi assessori, a cominciare da Giovanna Marano”.

Sabrina Figuccia

L’installazione degli impianti di videosorveglianza, sta però trovando non pochi ostacoli. Prosegue il consigliere: “Dopo il pasticcio delle mense comunali, con il servizio rimasto in bilico per alcuni giorni prima di trovare la solita soluzione tampone, adesso arriva il caso della videosorveglianza. Infatti, 158 scuole cittadine, tra qualche giorno rischiano di restare in balìa dei vandali, perché tra circa un mese scade la convenzione e quindi gli occhi elettronici potrebbero diventare ciechi“. 

“Mentre l’assessore al Bilancio afferma che i soldi ci sono, non si capisce come mai, invece di arrivare, a intervenire per tempo. Mi auguro che stavolta, però, non si aspetti l’ultimo secondo per trovare una soluzione ad una vicenda che doveva essere già risolta” prosegue.

“Ma come se non bastasse, a Mondello gli alunni che frequentano la scuola Borgese rischiano lo sfratto perché il loro istituto si trova in un’area nella quale, secondo i cartelli collocati dall’Amministrazione comunale, vi sarebbe la possibilità di perdita di vite umane e gravi danni agli edifici e alle infrastrutture. Insomma, sembrerebbe che finora abbiano fatto lezione con il pericolo di ritrovarsi addosso uno dei massi di Monte Pellegrino. Visto che non si riesce a trovare una soluzione, si pensa a chiudere baracca e burattini e trasferire tutti altrove. Dove? Boh…”, conclude Sabrina Figuccia.

LEGGI ANCHE:

Asilo nido Santangelo di Palermo senz’acqua: rubato il contatore. Figuccia: “Serve la videosorveglianza” | Foto

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.