24 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.22

Appuntamento domenica 24 settembre

“Vivere a colori”: incontro e dibattito sul tema dell’alopecia areata

15 Settembre 2017

Domenica 24 settembre presso la Sala delle Carrozze a Villa Niscemi, si svolgerà l’incontro “Vivere a colori”, in occasione della giornata sull’alopecia areata.

A partire dalle ore 9,30 prenderà il via la Conferenza Pubblica sull’alopecia areata, incontro di informazione e sensibilizzazione sulla patologia, a cui parteciperanno: i rappresentanti del Comune; Davide Faraone, Sottosegretario di Stato Ministero ella Salute; la dottoressa Francesca Cavataio, Francesca Fadda, Presidente ASAA ONLUS, psicoterapeuta e psicoterapeuta, e Alessandra Sbarra, referente del progetto Famiglie&Minori ASAA ONLUS, psicologa e psicoterapeuta.

Dalle 11 circa avrà luogo “L’incontro con le famiglie“, momento di confronto, condivisione e auto mutuo aiuto tra persone, finalizzato a trovare insieme chiavi di lettura e attivare le risorse necessarie a fronteggiare il problema.

Al termine ci sarà un pranzo sociale (per prenotazione ai numeri +39 3318229037 / +39 347 896 3963 / +39 3318784867).

“Vivere a colori” vuole essere un’occasione di informazione e sensibilizzazione rivolta all’intera collettività, con lo scopo di aprire un dialogo e un confronto sul tema dell’Alopecia Areata, che integri aspetti medici, psicologici e sociali connessi a questa patologia e troppo spesso sottovalutati.

Nonostante la ricerca scientifica abbia chiarito e identificato l’origine genetica e le componenti autoimmuni dell’alopecia areata, si verifica ancora con troppa frequenza una tendenza da parte dei servizi di medicina e dermatologia ad attribuire la patologia allo stress.

E’gradita la conferma di partecipazione all’evento via email all’indirizzo presidenza@sosalopeciaareata.org

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.