23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Palermo

Fino al 4 novembre

“Voce del verbo avere”, il dialogo tra arte e società di Marzia Migliora | Video servizio

11 Settembre 2018

Guarda il video servizio in alto 

Dall’ascolto multi sensoriale di un luogo unico che conserva storie stratificate come l’ex Monte dei Pegni, nasce la mostra”Voce del verbo avere“, dell’artista Marzia Migliora, in esposizione a Palazzo Branciforte fino al 4 novembre.

marzia migliora

Detto anche Monte dei Panni, il deposito del Monte di Pietà si snoda in un intricato labirinto di stanze con strutture lignee a tutta altezza, composte da scaffalature dove venivano alloggiati i beni impegnati. Per circa due secoli persone in stato d’indigenza vi hanno depositato doti, corredi e oggetti personali in cambio di poche monete, per poi cercare di tornare a riscattarli.

Oggi il luogo, in un ideale collegamento con il presente, accoglie in forme d’arte la riflessione politica e sociale sulla condizione attuale dell’uomo.

Voce del verbo avere è l’ideale prosecuzione della personale di Marzia Migliora dal titolo Velme, realizzata nel 2017 dalla Fondazione Merz a Ca’ Rezzonico a Venezia, da cui l’artista ha estratto l’opera “La fabbrica illuminata” che accoglie il visitatore.

voce del verbo avere

Il percorso espositivo comprende anche tre opere inedite site specific: Voce del verbo avere”, “Pane di bocca” e “L’arte della fame”, un’ipnotica giostra che cattura lo spettatore.

Tutte prendono avvio dal concetto di economia, a partire dalla scomposizione etimologica del termine in oikos (casa, intesa come famiglia, beni e comunità) e nomos (regola).

I due termini rappresentano l’elemento concettuale comune in ogni opera realizzata insieme alle tematiche del denaro, del cibo e della fame: l’ambiguità del denaro, che da un lato affranca dall’essere schiavo, ma dall’altro istituisce nuove schiavitù, costituisce un concetto fondamentale nell’opera  della Migliora.

La mostra, a cura di Valentina Bruschi e Beatrice Merz, realizzata in collaborazione con Fondazione Sicilia fa parte delle iniziative di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e si inserisce in Punte brillanti di lance, un programma di mostre e eventi avviato nel 2017 dalla Fondazione Merz per il capoluogo siciliano.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.