20 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.59
Palermo

Fino al 4 novembre

“Voce del verbo avere”, il dialogo tra arte e società di Marzia Migliora | Video servizio

11 Settembre 2018

Guarda il video servizio in alto 

Dall’ascolto multi sensoriale di un luogo unico che conserva storie stratificate come l’ex Monte dei Pegni, nasce la mostra”Voce del verbo avere“, dell’artista Marzia Migliora, in esposizione a Palazzo Branciforte fino al 4 novembre.

marzia migliora

Detto anche Monte dei Panni, il deposito del Monte di Pietà si snoda in un intricato labirinto di stanze con strutture lignee a tutta altezza, composte da scaffalature dove venivano alloggiati i beni impegnati. Per circa due secoli persone in stato d’indigenza vi hanno depositato doti, corredi e oggetti personali in cambio di poche monete, per poi cercare di tornare a riscattarli.

Oggi il luogo, in un ideale collegamento con il presente, accoglie in forme d’arte la riflessione politica e sociale sulla condizione attuale dell’uomo.

Voce del verbo avere è l’ideale prosecuzione della personale di Marzia Migliora dal titolo Velme, realizzata nel 2017 dalla Fondazione Merz a Ca’ Rezzonico a Venezia, da cui l’artista ha estratto l’opera “La fabbrica illuminata” che accoglie il visitatore.

voce del verbo avere

Il percorso espositivo comprende anche tre opere inedite site specific: Voce del verbo avere”, “Pane di bocca” e “L’arte della fame”, un’ipnotica giostra che cattura lo spettatore.

Tutte prendono avvio dal concetto di economia, a partire dalla scomposizione etimologica del termine in oikos (casa, intesa come famiglia, beni e comunità) e nomos (regola).

I due termini rappresentano l’elemento concettuale comune in ogni opera realizzata insieme alle tematiche del denaro, del cibo e della fame: l’ambiguità del denaro, che da un lato affranca dall’essere schiavo, ma dall’altro istituisce nuove schiavitù, costituisce un concetto fondamentale nell’opera  della Migliora.

La mostra, a cura di Valentina Bruschi e Beatrice Merz, realizzata in collaborazione con Fondazione Sicilia fa parte delle iniziative di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e si inserisce in Punte brillanti di lance, un programma di mostre e eventi avviato nel 2017 dalla Fondazione Merz per il capoluogo siciliano.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.