10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.12
Catania

anziché sostenerlo la politica lo processa

Vogliono imbavagliare il magistrato che ha denunciato l’accordo fra Ong e trafficanti

28 Aprile 2017

Come volevasi dimostrare, la politica e i poteri vari hanno deciso di mettere il bavaglio al procuratore capo di Catania Carmelo Zuccaro. La sua colpa, l’aver denunciato il presunto patto scellerato che vi sarebbe fra alcune Ong molto attive nel Mediterraneo e bande di trafficanti con quartier generale in Libia. Sullo sfondo, il business dell’immigrazione, con i suoi affari multimilionari e le continue partenze dai porti nordafricani alla volta dell’Italia.

E nel Belpaese che succede? Anziché sostenerlo, lo processano pubblicamente. Al punto che si muove anche il Csm, che lo ascolterà in breve, brevissimo tempo.

Giusto il tempo di una bella gita fuori porta per il Primo maggio e già il 3 le dichiarazioni del procuratore catanese saranno vagliate dal gotha della magistratura italiana che dovrà valutare l’eventualità di “esercitare un’azione disciplinare nei suoi confronti”. E non è tutto, su di lui pesano anche le affermazioni del ministro della Giustizia e di quello dell’Interno: insomma, tutti d’accordo, le Ong non si toccano. E guai a chi osa.

Poco importa che il magistrato abbia fatto dei distinguo, “salvando” Save the children e Medici senza frontiere. Il dato di fatto è che se si parte da un’indagine sulle Ong, il passo successivo potrebbe essere lo scoperchiare il ben foraggiato business che gira attorno all’accoglienza dei migranti in Italia e le sue clientele, come le inchieste già in atto sul Cara di Mineo sembrano dimostrare.

E allora, che si imbavagli subito il “magistrato impazzito”, prima che dalle sue parole possa venire fuori un effetto a catena indesiderato.

La circostanza, poi, che Zuccaro abbia anche svelato l’esistenza di intercettazioni che dimostrerebbero la veridicità dei contatti fra alcune Ong e i trafficanti di esseri umani, e che siano stati sequestrati dai pm etnei bilanci sospetti di organizzazioni che operano nel Mediterraneo, a questo punto diventa un dettaglio.

Anzi, l’ordine appare chiaro: i riflettori vanno spenti e in fretta. Chi ha “sbagliato” paghi!

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.