24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

fino al 10 maggio a Palazzo Jung

“Volti di Passione” in mostra negli scatti fotografici di Massimiliano Ferro

22 Aprile 2019

Si intitola “Volti di Passione” la mostra del fotografo palermitano Massimiliano Ferro, curata da Graziella Bellone, che si inaugurerà mercoledì 24 aprile, alle 17, nella sala Borsellino di Palazzo Jung  (Via Lincoln, 71).

Sono quarantacinque in totale le immagini a colori, dalle dimensioni di 50 x 70, che raccontano con la forza di un occhio profondo e sensibile i momenti principali della Passione di Cristo in cui Gesù e gli altri personaggi della Via Crucis rivivono grazie ai confratelli della Chiesa dei Fornai di Palermo.

Un accurato progetto fotografico ispirato alla storia biblica del Calvario di Cristo i cui eventi, oggi come ieri, generano emozioni così travolgenti e indagini interiori così intime, da renderci consapevoli della nostra imperfetta e caduca natura umana.

Immagini dal forte impatto visivo ed emozionale, che oltre ad esprimere una potente carica di umana spiritualità, rappresentano un episodio unico e irripetibile sul quale focalizzare l’attenzione e riflettere.

Tutto è incentrato sulla narrazione delle espressioni, delle pose, degli sguardi colmi di empatia.

Sono ritratti intensi ed incisivi che sembrano richiamare nello sfruttamento della luce e delle ombre, e nei colori densi e ricchi, i dipinti di Rembrandt, che impostava la scena sempre su sfondo scuro riuscendo a renderne evidente il messaggio morale.

Massimiliano Ferro – scrive la curatrice – ci consegna immagini profonde e drammatiche, lascia che a parlare siano le ambientazioni, i gesti rituali, i volti colti dal suo obiettivo attribuendo ad essi quanta più forza espressiva possibile, introducendo lo spettatore in un percorso di speranza fede e misticismo ricco di pathos e restituendo il senso del rito della Settimana Santa. Un viaggio evocativo – continua Bellone – di sofferenza e dolore, di stupore e amore, che nasce dal desiderio del fotografo di esaltare dell’antica e celeberrima storia della Passione di Cristo l’elemento spirituale ed umano che induce a riflettere sulle grandi difficoltà della vita, sulle ingiustizie, sui soprusi a causa dei quali si può soccombere ma si può anche rinascere. Ogni scatto è una costruzione di preziosi equilibri fatti da forza lirica-narrativa e capacità evocativa, che rendono giustizia alla saggezza e alla profondità di uno dei momenti più importanti della fede cristiana”.

La mostra “Volti di passione” si potrà visitare fino al 10 maggio, dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19 (escluso festivi). Ingresso libero.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.