10 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.21

erano stati assolti in primo grado

Voto di scambio, condannati Raffaele Lombardo e il figlio Toti

10 Luglio 2019

La prima Corte d’appello di Catania ha condannato a un anno di reclusione ciascuno l’ex presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e suo figlio Toti con l’accusa di voto di scambio.

Stessa pena è stata comminata agli altri imputati: Ernesto Privitera, Angelo Marino e Giuseppe Giuffrida. Il processo per il “reato elettorale” è stato celebrato dopo il ricorso della Procura contro la sentenza di assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste” emessa Tribunale monocratico, presieduto da Laura Benanti.

L’assoluzione in primo grado per Lombardo e per il figlio dal reato di voto di scambio era arrivata nell’ottobre del 2015.

La vicenda faceva riferimento alle elezioni Regionali celebrate nell’autunno del 2012, che videro l’elezione di Toti Lombardo a deputato regionale nella lista Mpa e delle successive elezioni Politiche del 2013. in quest’ultima competizione elettorale, però, la lista Mpa non era riuscita a superare la soglia di sbarramento che gli avrebbe consentito di eleggere parlamentari nazionali.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.