18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.37

per discutere delle azioni concrete da mettere presto in campo

Zes, Fiom e Flai chiedono un incontro al sindaco di Carini per discutere del rilancio delle industrie

9 Agosto 2019

La Fiom e la Flai di Palermo hanno chiesto congiuntamente un incontro al sindaco di Carini, Giovì Monteleone, per discutere delle azioni concrete da mettere  presto in campo per il recente inserimento dell’area industriale nelle Zes,  da parte della Regione siciliana, provvedimento in attesa del decreto da parte del governo nazionale.

Da mesi abbiamo avviato un’interlocuzione con il sindaco Monteleone sulle soluzioni per il rilancio dell’area industriale,  al centro  in questi anni di una progressiva desertificazione che ha coinvolto tantissime aziende metalmeccaniche. Una prima risposta è stata l’inserimento di Carini nelle Zes della Sicilia occidentale – dichiara Angela Biondi, segretario generale della Fiom di Palermo – Ovviamente le Zes non riguardano solo i metalmeccanici ma tutti gli insediamenti produttivi“.

Anche il settore dell’agroindustria ha subito la crisi di questi anni con la chiusura di diverse aziende che hanno rappresentato la storia dell’agroindustria nel territorio,  come la “Dolci Carollo”.

È una opportunità di rilancio anche per il settore dell’agroalimentare e per i tanti lavoratori che hanno visto chiudere le aziende senza alcuno strumento per mantenere l’occupazione e garantire livelli dignitosi di vita per i lavoratori“,  dichiara Dario Fazzese, segretario generale della Flai di Palermo.

La fiscalità di sviluppo è sicuramente una condizione importante per attrarre nuovi investimenti – continuano i segretari Biondi e Fazzese – È inoltre necessario immaginare anche un piano di riorganizzazione delle stesse aree e dei servizi per far sì che il territorio sia pronto ad accogliere nuovi investitori“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.