19 luglio, Palermo ricorda Paolo Borsellino in via D'Amelio "In quel teatro di morte vogliamo costruire la vita" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Le attività cominceranno alle 7.30 di mattina con "l'acchianata"

19 luglio, Palermo ricorda Paolo Borsellino in via D’Amelio “In quel teatro di morte vogliamo costruire la vita”

18 Luglio 2017

Oggi, mercoledì 19 luglio a partire dalle ore 10 fino alle 12 è in programma l’iniziativa “Coloriamo via D’Amelio: il 19 luglio per i cittadini di domani“.

Laboratori creativi per i bambini dei quartieri di Palermo e Monreale, organizzata in collaborazione con gli studenti del Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria – UKE, il Centro di animazione territoriale “San Giovanni Apostolo”, il Centro Santa Chiara, l’Associazione Il Quartiere di Monreale, Laboratorio Zen Insieme ed il coordinamento di Nati per leggere – Sicilia. Insieme ai nostri ragazzi saranno presenti anche la presidente dell’Antimafia Rosy Bindi e il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

“In quel luogo che è stato teatro di morte vogliamo ancora una volta costruire la vita, partecipare nella costruzione e potenziamento della coscienza civile nel nostro paese e lo facciamo a partire dai più piccoli e sopratutto da quelli che vivono in condizione di marginalità e svantaggio” dice Rita Borsellino e prosegue “il nostro è un impegno costante e senza tempo, fatto di donne e uomini che a diverso titolo ed in luoghi diversi gettano i semi per una società migliore, ognuno nel suo piccolo, ognuno per quello che può, ognuno per quello che sa. E’ con questo spirito che prendiamo in carico l’eredità di mio fratello Paolo ed in questo senso è come se fossimo tutti un po’ parenti”.

L’associazione Le Agende Rosse organizza alle ore 7:30 Via D’Amelio Partenza per ‘l’acchianata’ a Castello Utveggio: Ore 15:30 Dibattito sul depistaggio. Intervengono Salvatore Borsellino, Fabio Repici e Calogero Montante; Ore 16:58 Minuto di silenzio. Ore 17:00 – Marilena Monti legge la poesia ‘Giudice Paolo’.

“Siamo stati presenti in ogni caso sempre e comunque e lo continuiamo ad essere, per la nostra associazione è importante essere presente in via D’Amelio e trasmettere la memoria soprattutto ai più piccoli e domani saremo presenti con cinquanta – dice Antonietta Fazio dell’associazione San Giovanni Apostolo del quartiere Cep, che di recente ha subito degli atti intimidatori – Quest’anno se mai potesse essere un più forte la nostra attività e la nostra presenza, quello che ho di recente subito, lo sarà. Quello che è successo non scalfisce minimamente il nostro percorso di legalità”.

In serata dalle 20 da piazza Vittorio Veneto partirà la tradizionale fiaccolata delle organizzazioni di destra in ricordo del giudice Paolo Borsellino, sotto lo slogan diventato simbolo “Paolo vive”. Il corteo si concluderà in via D’Amelio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.