19 luglio, Palermo ricorda Paolo Borsellino in via D'Amelio "In quel teatro di morte vogliamo costruire la vita" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Palermo

Le attività cominceranno alle 7.30 di mattina con "l'acchianata"

19 luglio, Palermo ricorda Paolo Borsellino in via D’Amelio “In quel teatro di morte vogliamo costruire la vita”

di
18 Luglio 2017

Oggi, mercoledì 19 luglio a partire dalle ore 10 fino alle 12 è in programma l’iniziativa “Coloriamo via D’Amelio: il 19 luglio per i cittadini di domani“.

Laboratori creativi per i bambini dei quartieri di Palermo e Monreale, organizzata in collaborazione con gli studenti del Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria – UKE, il Centro di animazione territoriale “San Giovanni Apostolo”, il Centro Santa Chiara, l’Associazione Il Quartiere di Monreale, Laboratorio Zen Insieme ed il coordinamento di Nati per leggere – Sicilia. Insieme ai nostri ragazzi saranno presenti anche la presidente dell’Antimafia Rosy Bindi e il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

“In quel luogo che è stato teatro di morte vogliamo ancora una volta costruire la vita, partecipare nella costruzione e potenziamento della coscienza civile nel nostro paese e lo facciamo a partire dai più piccoli e sopratutto da quelli che vivono in condizione di marginalità e svantaggio” dice Rita Borsellino e prosegue “il nostro è un impegno costante e senza tempo, fatto di donne e uomini che a diverso titolo ed in luoghi diversi gettano i semi per una società migliore, ognuno nel suo piccolo, ognuno per quello che può, ognuno per quello che sa. E’ con questo spirito che prendiamo in carico l’eredità di mio fratello Paolo ed in questo senso è come se fossimo tutti un po’ parenti”.

L’associazione Le Agende Rosse organizza alle ore 7:30 Via D’Amelio Partenza per ‘l’acchianata’ a Castello Utveggio: Ore 15:30 Dibattito sul depistaggio. Intervengono Salvatore Borsellino, Fabio Repici e Calogero Montante; Ore 16:58 Minuto di silenzio. Ore 17:00 – Marilena Monti legge la poesia ‘Giudice Paolo’.

“Siamo stati presenti in ogni caso sempre e comunque e lo continuiamo ad essere, per la nostra associazione è importante essere presente in via D’Amelio e trasmettere la memoria soprattutto ai più piccoli e domani saremo presenti con cinquanta – dice Antonietta Fazio dell’associazione San Giovanni Apostolo del quartiere Cep, che di recente ha subito degli atti intimidatori – Quest’anno se mai potesse essere un più forte la nostra attività e la nostra presenza, quello che ho di recente subito, lo sarà. Quello che è successo non scalfisce minimamente il nostro percorso di legalità”.

In serata dalle 20 da piazza Vittorio Veneto partirà la tradizionale fiaccolata delle organizzazioni di destra in ricordo del giudice Paolo Borsellino, sotto lo slogan diventato simbolo “Paolo vive”. Il corteo si concluderà in via D’Amelio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco