19 luglio, Palermo ricorda Paolo Borsellino in via D'Amelio "In quel teatro di morte vogliamo costruire la vita" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Le attività cominceranno alle 7.30 di mattina con "l'acchianata"

19 luglio, Palermo ricorda Paolo Borsellino in via D’Amelio “In quel teatro di morte vogliamo costruire la vita”

di
18 Luglio 2017

Oggi, mercoledì 19 luglio a partire dalle ore 10 fino alle 12 è in programma l’iniziativa “Coloriamo via D’Amelio: il 19 luglio per i cittadini di domani“.

Laboratori creativi per i bambini dei quartieri di Palermo e Monreale, organizzata in collaborazione con gli studenti del Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria – UKE, il Centro di animazione territoriale “San Giovanni Apostolo”, il Centro Santa Chiara, l’Associazione Il Quartiere di Monreale, Laboratorio Zen Insieme ed il coordinamento di Nati per leggere – Sicilia. Insieme ai nostri ragazzi saranno presenti anche la presidente dell’Antimafia Rosy Bindi e il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

“In quel luogo che è stato teatro di morte vogliamo ancora una volta costruire la vita, partecipare nella costruzione e potenziamento della coscienza civile nel nostro paese e lo facciamo a partire dai più piccoli e sopratutto da quelli che vivono in condizione di marginalità e svantaggio” dice Rita Borsellino e prosegue “il nostro è un impegno costante e senza tempo, fatto di donne e uomini che a diverso titolo ed in luoghi diversi gettano i semi per una società migliore, ognuno nel suo piccolo, ognuno per quello che può, ognuno per quello che sa. E’ con questo spirito che prendiamo in carico l’eredità di mio fratello Paolo ed in questo senso è come se fossimo tutti un po’ parenti”.

L’associazione Le Agende Rosse organizza alle ore 7:30 Via D’Amelio Partenza per ‘l’acchianata’ a Castello Utveggio: Ore 15:30 Dibattito sul depistaggio. Intervengono Salvatore Borsellino, Fabio Repici e Calogero Montante; Ore 16:58 Minuto di silenzio. Ore 17:00 – Marilena Monti legge la poesia ‘Giudice Paolo’.

“Siamo stati presenti in ogni caso sempre e comunque e lo continuiamo ad essere, per la nostra associazione è importante essere presente in via D’Amelio e trasmettere la memoria soprattutto ai più piccoli e domani saremo presenti con cinquanta – dice Antonietta Fazio dell’associazione San Giovanni Apostolo del quartiere Cep, che di recente ha subito degli atti intimidatori – Quest’anno se mai potesse essere un più forte la nostra attività e la nostra presenza, quello che ho di recente subito, lo sarà. Quello che è successo non scalfisce minimamente il nostro percorso di legalità”.

In serata dalle 20 da piazza Vittorio Veneto partirà la tradizionale fiaccolata delle organizzazioni di destra in ricordo del giudice Paolo Borsellino, sotto lo slogan diventato simbolo “Paolo vive”. Il corteo si concluderà in via D’Amelio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.