273 esuberi a Coop Sicilia e l'azienda annuncia la chiusura di cinque punti vendita nell'Isola | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Si teme per il destino di centinaia di lavoratori

273 esuberi a Coop Sicilia e l’azienda annuncia la chiusura di cinque punti vendita nell’Isola

3 Giugno 2017

Coop Sicilia annuncia l’esubero di 273 dipendenti e la chiusura di cinque punti vendita in Sicilia su 16 in attività.

Nel documento inviato ai sindacati, l’azienda spiega di dover procedere a un piano di ristrutturazione che ad esempio preveda “un numero adeguato di lavoratori nell’ora di punta senza eccedenze nelle ore di minore afflusso, un rinnovamento rete di vendita e nuove politiche commerciali”.

Secondo Coop Sicilia, l’andamento negativo e il calo delle vendite e dei fatturati sono legati “sia alla grave crisi sia all’inasprimento della concorrenza sul territorio, ma anche alle gravi inefficienze gestionali ed economico-produttive della rete di vendita”.

Da qui la comunicazione di esubero di 273 unità di personale su 1068 complessivi, “decisione inevitabile per l’impossibilità di trovare soluzioni alternative”.

Prevista la chiusura dei punti vendita di Casteldaccia, Zafferana, San Giovanni La Punta, Palermo Volontari e Ragusa, ma gli esuberi interessano diversi altri punti come quelli dei centri commerciali Forum e La Torre a Palermo.

Ad annunciarlo è in un comunicato la Uiltucs Sicilia guidata da Marianna Flauto che al tavolo per la realizzazione dell’esame congiunto chiederà “la  garanzia di tutti i livelli occupazionali siciliani e la condivisione di un piano di rilancio che preveda con chiarezza gli obiettivi ed i tempi della loro realizzazione”.

“La società – spiega la Uiltucs – ormai da anni registra una situazione di difficoltà economica probabilmente legata sia alle scelte sbagliate in termini di investimenti realizzati in Sicilia, sia alla mancanza di un piano di ristrutturazione e  riteniamo anche a causa all’assenza di un management all’altezza che tra l’altro, in questi ultimi anni, è stato molto ballerino. Ciò ha sicuramente penalizzato la possibilità di recupero dell’azienda che necessita anche di una presenza costante e coerente  del gruppo dirigente centrale  che sia  in grado di governare i processi e mantenere vivo il controllo attraverso un costante monitoraggio dei risultati”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.