273 esuberi a Coop Sicilia e l'azienda annuncia la chiusura di cinque punti vendita nell'Isola | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Si teme per il destino di centinaia di lavoratori

273 esuberi a Coop Sicilia e l’azienda annuncia la chiusura di cinque punti vendita nell’Isola

3 Giugno 2017

Coop Sicilia annuncia l’esubero di 273 dipendenti e la chiusura di cinque punti vendita in Sicilia su 16 in attività.

Nel documento inviato ai sindacati, l’azienda spiega di dover procedere a un piano di ristrutturazione che ad esempio preveda “un numero adeguato di lavoratori nell’ora di punta senza eccedenze nelle ore di minore afflusso, un rinnovamento rete di vendita e nuove politiche commerciali”.

Secondo Coop Sicilia, l’andamento negativo e il calo delle vendite e dei fatturati sono legati “sia alla grave crisi sia all’inasprimento della concorrenza sul territorio, ma anche alle gravi inefficienze gestionali ed economico-produttive della rete di vendita”.

Da qui la comunicazione di esubero di 273 unità di personale su 1068 complessivi, “decisione inevitabile per l’impossibilità di trovare soluzioni alternative”.

Prevista la chiusura dei punti vendita di Casteldaccia, Zafferana, San Giovanni La Punta, Palermo Volontari e Ragusa, ma gli esuberi interessano diversi altri punti come quelli dei centri commerciali Forum e La Torre a Palermo.

Ad annunciarlo è in un comunicato la Uiltucs Sicilia guidata da Marianna Flauto che al tavolo per la realizzazione dell’esame congiunto chiederà “la  garanzia di tutti i livelli occupazionali siciliani e la condivisione di un piano di rilancio che preveda con chiarezza gli obiettivi ed i tempi della loro realizzazione”.

“La società – spiega la Uiltucs – ormai da anni registra una situazione di difficoltà economica probabilmente legata sia alle scelte sbagliate in termini di investimenti realizzati in Sicilia, sia alla mancanza di un piano di ristrutturazione e  riteniamo anche a causa all’assenza di un management all’altezza che tra l’altro, in questi ultimi anni, è stato molto ballerino. Ciò ha sicuramente penalizzato la possibilità di recupero dell’azienda che necessita anche di una presenza costante e coerente  del gruppo dirigente centrale  che sia  in grado di governare i processi e mantenere vivo il controllo attraverso un costante monitoraggio dei risultati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03