22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.11

Coinvolti anche i due esponenti politici

Trentuno indagati eccellenti, ci sono anche Raffaele Lombardo e Saverio Romano

25 Gennaio 2019

La Procura di Roma indaga su 31 nomi eccellenti su una presunta corruzione al Consiglio di Stato. Fra gli indagati ci sarebbe anche Raffaele Lombardo, ex presidente della Regione siciliana e anche l’ex ministro Saverio Romano, accusato di rivelazione di segreto d’ufficio.

Le indagini sono aperte da tempo tra la Procura di Roma, in collaborazione con quella di Messina. I fatti riguarderebbero una vicenda legata alle dichiarazioni dell’avvocato Pietro Amara, arrestato l’anno scorso e che adesso collabora con i magistrati. In base alle sue rivelazioni, l’esito di alcuni procedimenti penali riguardanti suoi assistiti sarebbero stati “aggiustati” grazie a presunte corruzioni di giudici.

Oltre a Saverio Romano e a Raffaele Lombardo, fra le persone destinatarie della richiesta di proroga delle indagini disposta dal gip di Roma vi sono anche il presidente di Sezione del Consiglio di Stato, Sergio Santoro, il giudice Nicola Russo, l’avvocato Giuseppe Calafiore e l’imprenditore Ezio Bigotti.

Saverio Romano

Pronta la replica di Saverio Romano: “La proroga delle indagini a mio carico per l’ipotesi di rivelazione del segreto d’ufficio è vecchia di tre anni: la Procura di Palermo aveva già chiesto l’archiviazione; successivamente il fascicolo è stato richiamato per competenza a Roma e riunito ad altri filoni d’indagine a me estranei. Nello specifico, la rivelazione del segreto d’ufficio riguarda una telefonata nel corso della quale mi congratulavo con l’interessato per la sentenza a lui favorevole su un contenzioso elettorale, specificando di avere appreso la notizia dall’avvocato Amara. Abbiamo già prodotto una memoria che è nel fascicolo del Pm che auspichiamo voglia reiterare la richiesta di archiviazione in tempi rapidi”.

 

LEGGI ANCHE:

Reato elettorale: il procuratore generale chiede condanna per l’ex presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo

Saverio Romano lancia la sfida per il dopo Orlando: “Mi candido a sindaco di Palermo”

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.