Sequestro col botto a Misterbianco, le Fiamme Gialle scoprono 650 kg di fuochi d'artificio illegali | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Denunciato il titolare cinese del magazzino

Sequestro col botto a Misterbianco, le Fiamme Gialle scoprono 650 kg di fuochi d’artificio illegali

di
29 Novembre 2016

 

Sequestro col “botto” a Misterbianco in provincia di Catania. Prodotti contraffatti e non sicuri, e una valanga di micce e miccette di ogni dimensione e soprattutto di grande pericolosità, sono stati “ritirati” dalle Fiamme Gialle del capoluogo etneo. Oltre a un magazzino ricolmo di prodotti copiati, quella scoperta dalla Guardia di Finanza è una vera e propria santabarbara.

Il blitz riguarda circa due milioni di prodotti non sicuri, che sono stati sequestrati insieme ad oltre 220 mila botti detenuti illegalmente, in un capannone della zona industriale di Misterbianco. Quell’impresa era gestito da cinesi e lì, sul piano formale, i militari avrebbero dovuto trovare soltanto un’attività di commercio all’ingrosso di ferramenta. Il titolare è stato denunciato per introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, vendita di prodotti industriali con segni mendaci e detenzione abusiva di materie esplodenti. Centinaia i prodotti di vario genere sequestrati: giocattoli, prodotti elettronici, illuminazioni natalizie, utensili e altra merce non a norma. L’ingente quantitativo di fuochi d’artificio, del peso complessivo di circa 650 chili, è stato trasportato in un’azienda specializzata, dove sarà custodito in piena sicurezza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin