Caos firme M5S, l'ex attivista Menallo "Io quella notte non c'ero" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'avvocato avrebbe avallato legalmente la falsificazione delle firme

Caos firme M5S, l’ex attivista Menallo
“Io quella notte non c’ero”

di
30 Novembre 2016

Continua il caos firme nel Movimento grillino di Palermo; ieri l’ex attivista Cinquestelle, l’avvocato Francesco Menallo è stato sottoposto ad un interrogatorio dal pool di magistrati che seguono l’inchiesta. Come i deputati Riccardo Nuti e Claudia Mannino, Menallo si è avvalso della facoltà di non rispondere. “Io quella notte non c’ero”, ha solamente affermato l’interrogato che oggi collabora con un altro fuoriuscito dal M5S Antonio Venturino, ora al Psi.

L’accusa mossa a Menallo è quella di aver permesso, dal punto di vista legale, la falsificazione delle firme; stando alle sue dichiarazioni, Menallo non sarebbe stato presente quella notte di aprile del 2012 nella sede del misfatto di via Sampolo quando furono ricopiate quasi duemila firme.

Menallo conclude ironicamente il suo intervento: “Ma stiamo scherzando? Io spero che le Iene, che hanno recuperato l’audio, mi  facciano avere anche il video dell’ottobre 2013 in cui Samantha Busalacchi e Loredana Ceruso parlano di Vincenzo Pintagro, che dopo un anno e mezzo tira fuori questa vicenda. Nel frattempo la cosa diventò di dominio pubblico – dice – ricordo ancora una lite tra Riccardo Nuti e  Davide Faraone”. Domani continueranno gli interrogatori negli uffici della Procura di Palermo

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin