La Sicilia cresce grazie ai piccioli sommersi. Il bollettino statistico svela l'economia illegale :ilSicilia.it

Il dato emerge dall'elaborazione di alcune analisi dell'Istat

La Sicilia cresce grazie ai piccioli sommersi. I dati svelano l’economia illegale

di
5 Gennaio 2017

La congiuntura è debole? La crescita stenta? I disoccupati aumentano e i cervelli fuggono all’estero? No problem. Con buona pace di analisti ed esperti statistici, la Sicilia cresce, eccome. A trainarla è l’economia illegale, quella che sfugge ai controlli ma che negli ultimi anni probabilmente ha permesso all’isola di non affondare sotto lo tsunami della crisi infinita ed servita a qualcuno per fare loschi affari o per tirare a campare. Quanto vale è riportato nel bollettino sulla congiuntura per il 2016 dell’ufficio statistica della Regione siciliana, che ha elaborato alcune analisi dell’Istat. Il dato è monstre, 14 miliardi e 800 milioni di euro, all’anno. Un fiume di denaro per quella che gli esperti definiscono ‘economia non osservata’ che include sommerso e attività illegali.

Il valore, secondo gli analisti, è pari a circa il 19,5 per cento del prodotto interno lordo (Pil), cioè la quantità di beni e servizi prodotti, che in nell’intera regione oscilla tra i 75 e gli 80 miliardi di euro all’anno. Negli ultimi tre anni, prendendo per buoni i numeri, la Sicilia ha prodotto un economia non osservata pari a quasi 50 miliardi di euro. Soldi sconosciuti al Fisco e agli Istituti di previdenza. Dentro questa montagna di 14,5 mld c’è un po’ di tutto, dalle imposte non dichiarate dalle imprese per un miliardo e 131 milioni (7,8%) al lavoro nero per circa 3 miliardi. Ma i grossi affari sono soprattutto in attività illegali come la gestione della prostituzione, il traffico di sostanze stupefacenti e il contrabbando di sigarette. Se la Regione attraverso la sua Riscossione Sicilia riuscisse a intercettare per un anno quest’economia illegale risolverebbe molti dei suoi problemi, basti pensare che il debito contratto da Palazzo d’Orleans ammonta a circa 7 miliardi di euro.
© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.