La Sicilia cresce grazie ai piccioli sommersi. Il bollettino statistico svela l'economia illegale :ilSicilia.it

Il dato emerge dall'elaborazione di alcune analisi dell'Istat

La Sicilia cresce grazie ai piccioli sommersi. I dati svelano l’economia illegale

5 Gennaio 2017

La congiuntura è debole? La crescita stenta? I disoccupati aumentano e i cervelli fuggono all’estero? No problem. Con buona pace di analisti ed esperti statistici, la Sicilia cresce, eccome. A trainarla è l’economia illegale, quella che sfugge ai controlli ma che negli ultimi anni probabilmente ha permesso all’isola di non affondare sotto lo tsunami della crisi infinita ed servita a qualcuno per fare loschi affari o per tirare a campare. Quanto vale è riportato nel bollettino sulla congiuntura per il 2016 dell’ufficio statistica della Regione siciliana, che ha elaborato alcune analisi dell’Istat. Il dato è monstre, 14 miliardi e 800 milioni di euro, all’anno. Un fiume di denaro per quella che gli esperti definiscono ‘economia non osservata’ che include sommerso e attività illegali.

Il valore, secondo gli analisti, è pari a circa il 19,5 per cento del prodotto interno lordo (Pil), cioè la quantità di beni e servizi prodotti, che in nell’intera regione oscilla tra i 75 e gli 80 miliardi di euro all’anno. Negli ultimi tre anni, prendendo per buoni i numeri, la Sicilia ha prodotto un economia non osservata pari a quasi 50 miliardi di euro. Soldi sconosciuti al Fisco e agli Istituti di previdenza. Dentro questa montagna di 14,5 mld c’è un po’ di tutto, dalle imposte non dichiarate dalle imprese per un miliardo e 131 milioni (7,8%) al lavoro nero per circa 3 miliardi. Ma i grossi affari sono soprattutto in attività illegali come la gestione della prostituzione, il traffico di sostanze stupefacenti e il contrabbando di sigarette. Se la Regione attraverso la sua Riscossione Sicilia riuscisse a intercettare per un anno quest’economia illegale risolverebbe molti dei suoi problemi, basti pensare che il debito contratto da Palazzo d’Orleans ammonta a circa 7 miliardi di euro.
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.