Sanità, Gucciardi presenta piano rete ospedaliera. Arriva ok dei sindacati, "ora servono le assunzioni" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Incontro tra l'assessore e i vertici regionali del sindacato

Sanità, Gucciardi presenta piano rete ospedaliera. Arriva ok dei sindacati, “ora servono le assunzioni”

di
9 Gennaio 2017

L’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, ha presentato alle organizzazioni sindacali il documento sulla riorganizzazione della rete ospedaliera in Sicilia. “L’emanazione del DM 70/2015 impone un nuovo metodo di programmazione dell’assistenza ospedaliera. Tale metodologia vede la Rete dell’Emergenza e Urgenza essere allo stesso tempo spina dorsale e punto di partenza per la riclassificazione degli ospedali e la costituzione della nuova rete ospedaliera”, spiega l’assessore, che esprime “soddisfazione per il serio contributo offerto e per l’apprezzamento positivo delle organizzazioni sindacali sulla rete dell’emergenza urgenza ospedaliera”. “La rete ospedaliera dell’emergenza – si legge in una nota dell’Assessorato regionale – e’ costituita da strutture di diversa complessita’ assistenziale che si relazionano secondo il modello hub and spoke. Tali strutture sono in grado di rispondere alle necessita’ d’intervento secondo la complessita’ delle patologie e dell’intensita’ delle cure che richiedono”. “Il riordino della rete ospedaliera regionale persegue quindi – prosegue la nota – specifici obiettivi di riqualificazione dell’assistenza sanitaria, che si intendono raggiungere con l’articolazione in ‘Hub’ (Dea di II livello) e ‘Spoke’ (Dea di I livello), Pronto soccorso di base e Pronto soccorso di area disagiata”. “La nuova rete – puntualizza la nota – nasce dall’esigenza di rendere uguale il diritto alla salute per tutti i cittadini che potranno essere curati nei reparti attrezzati per la patologia che li ha colpiti. In particolare, la rete e’ strutturata in maniera tale da garantire le migliori risposte in termini di tempo e di qualita’ dell’assistenza per le patologie di elevato impatto sociale quali infarto, ictus, emorragie gastrointestinali nonche’ per i gravi traumatismi”.

L’incontro con Gucciardi si è rivelato ancora una volta proficuo, apprezziamo il coraggioso impegno con cui l’assessore ha portato avanti la riorganizzazione del sistema sanitario regionale. Il prossimo passo però sono le assunzioni, fondamentali per assicurare servizi efficienti e per rendere la riorganizzazione veramente efficace”.

mimmo-milazzo
Mimmo Milazzo

Lo hanno detto il segretario generale della Cisl Sicilia, Mimmo Milazzo, ed il segretario generale della Cisl fp Sicilia, Gigi Caracausi, al termine di un incontro con l’assessore alla Salute, Baldo Gucciardi, che ha presentato alle organizzazioni sindacali il documento sulla riorganizzazione della rete ospedaliera. “Il metodo ispiratore per la redazione del documento – aggiungono Milazzo e Caracausi – è frutto di un lavoro attento, all’interno di una cornice normativa nazionale (il cosiddetto Decreto Balduzzi) che non sempre si adatta alle esigenze della realtà  siciliana ed è  quindi figlio di questo quadro normativo. Auspichiamo però che i successivi passaggi politico – istituzionali abbiano luogo rapidamente per poter sbloccare le assunzioni nel più breve tempo possibile e senza sconvolgere l’impianto oggi presentato. solo così la riorganizzazione della rete ospedaliera potrà effettivamente garantire servizi efficienti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti