Sudare ci siddia. Sportivamente parlando la Sicilia è "una palla al piede" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

I dati del report Coni Istat

Sudare ci siddia. Sportivamente parlando la Sicilia è “una palla al piede”

23 Febbraio 2017

Sudare ci siddia. Sostanzialmente c’abbutta. La Sicilia è una delle tre palle al piede dell’Italia. Fermate Pif e avvertite Giletti. Non c’è bisogno di una nuova puntata dell’Arena. Palla al piede, questa volta, la Sicilia lo è rispetto alla pratica sportiva.  Lo dimostra la ricerca realizzata dal Coni e dall’Istat. Soltanto il 16,5  per cento dei siciliani fa sport, sportivamente parlando, perciò  siamo tra le regioni italiane – battendo persino Calabria e Campania- al vertice dell’annacata libera: la maggioranza  dei siciliani fa una vita che definire “sedentaria” è un eufemismo, con un indice di inattività fisica  del 58,4 per cento.

Così, mentre l’Italia è sempre più votata allo sport fatto con regolarità, esiste una questione meridionale anche in questo settore. Il Paese è spezzato in due tra Centro-Nord e Sud, con la Campania maglia nera. E’ la fotografia scattata dal rapporto Coni-Istat relativo ai numeri della pratica sportiva nel Bel Paese, presentato oggi a Roma, da cui emerge anche la presenza ancora di troppi sedentari: nel 2016 sono oltre 23 milioni le persone di 3 anni e più che non praticano sport né attività fisica nel tempo libero, pari al 39,2% della popolazione. Anche per la sedentarietà è forte il divario territoriale: la quota più elevata di sedentari si registra nel Mezzogiorno (52,7% nel Sud e 52,5% nelle Isole). Un quadro, quello del numero di chi pratica sport in Italia, che – secondo il Presidente del Coni Giovanni Malagò – dovrebbe portare comunque il nostro Paese presto sui livelli della media europea. “Nel prossimo quadriennio – afferma il numero uno del Comitato olimpico italiano – la media dell’Unione Europea la prendiamo e secondo me la superiamo anche”. In particolare, tra le persone nell’età compresa tra 18 e 29 anni che dedicano almeno 150 minuti a settimana all’attività fisico-sportiva nel tempo libero, l’Italia figura al 9° posto, alle spalle della Grecia ma davanti a Portogallo e Francia.Questo divario con l’Europa possiamo ridurlo con investimenti mirati e una continuità di azioni di contrasto alla sedentarietà, come il ruolo delle scuole“, ha poi sottolineato il presidente dell‘Istat, Giorgio Alleva.

alleva
Giorgio Alleva

E, intanto, come dimostrano i numeri presentati oggi al Salone d’Onore del Coni, dal 2014 la quota di praticanti continuativi ha ripreso a crescere, dal 21,5% del 2013 al 25,1% del 2016. In parallelo, è salita la quota di chi fa sport in modo saltuario, dal 9,1 al 9,7%, mentre risultano in calo sia la quota di chi dichiara di svolgere solo qualche attività fisica (dal 27,9 al 25,7%) sia quella dei sedentari (dal 41,2 al 39,2%, per un totale di 23 milioni). In dettaglio, le prime tre Regioni con una maggiore concentrazione di praticanti sportivi con continuità sono nell’ordine Trentino Alto Adige (36,2%), Emilia Romagna (31,1%), Lombardia (30,5%), mentre Calabria (16,5%), Sicilia (16,5%) e Campania (13,9%) si collocano in coda alla graduatoria regionale. Nell’Italia meridionale ad eccezione di quanto accade in Sardegna, oltre una persona su due conduce una vita sedentaria. Nel 2016 particolarmente preoccupanti sono i livelli di inattività fisica superiori al 50% rilevati in Sicilia (58,4%), Campania (56,9%), Calabria (53,4%), Molise (52,5%), Puglia (50,6%) e Basilicata (50,4%). ”Abbiamo un Sud – si rammarica Malagò – che è un’autentica palla al piede nei numeri della pratica sportiva: le tre Regioni del Meridione Campania, Calabria e Sicilia non solo sono le ultime tre, ma sono staccate rispetto al resto del Paese. Come popolazione Campania e Sicilia da sole valgono più di Svizzera e Olanda. La Campania ha il 13%, è negativissimo ma in un certo senso ha anche il dato più positivo di tutti: l’11,4% di chi fa sport in Campania è tesserato. Se non c’è qualche associazione o federazione in Campania – conclude il presidente del Coni – una persona non riesce a fare sport: questa è una sconfitta della politica locale mostruosa. Complimenti invece alla Sardegna meglio anche di alcune regioni del Nord”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.