Sequestrati giocattoli contraffatti nel catanese, denunciato un cinese :ilSicilia.it
Catania

guardia di finanza in azione

Sequestrati giocattoli contraffatti nel catanese, denunciato un cinese

di
28 Dicembre 2017

La Guardia di Finanza di Catania ha sequestrato nell’hinterland cittadino oltre 200.000 giocattoli contraffatti. L’operazione ha consentito di scoprire nel comune di Misterbianco un distributore all’ingrosso di giocattoli contraffatti per l’utilizzo di loghi, nomi e disegni di noti brand. In particolare, gli articoli sequestrati, pronti per essere distribuiti e venduti a Catania e in provincia, erano riconducibili a personaggi di cartoni animati e film attualmente in voga tra i più piccoli.

I prodotti erano inoltre privi o carenti dei contenuti informativi minimi previsti dal codice del consumo per la loro regolare commercializzazione nel territorio dell’Unione Europea. Il titolare di nazionalità cinese e’ stato deferito alla Procura della Repubblica di Catania per introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.