388 profughi in arrivo a Palermo, tra loro una salma | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Sono oltre 157.750 i migranti sbarcati dall'inizio dell'anno

388 profughi in arrivo a Palermo, tra loro una salma

di
16 Dicembre 2016

In queste ore il porto di Palermo sta per essere raggiunto da una nave della marina militare spagnola con 388 migranti a bordo. La “Navarra” sta per far sbarcare profughi di varie nazionalità e tra loro c’è anche la salma di un uomo. A accoglierli alla banchina Quattro Venti ci sarà una task force coordinata dalla Prefettura di Palermo, il personale sanitario dell’Asp e volontari sia della Caritas che della Croce Rossa.

Saranno presenti al porto anche uomini della polizia e della guardia di finanza per avviare immediatamente le indagini per individuare gli scafisti.
Già alla fine di ottobre si registravano 157.750 migranti sbarcati dall’inizio dell’anno.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin