A "Bar Sicilia" Alessandro Pagano (Lega): "Salvini più lo conosci e più lo voti" | VIDEO | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Alessandro Pagano (Lega): “Salvini più lo conosci e più lo voti” | VIDEO

di
3 Novembre 2019

 

Guarda in alto il video della 83ª puntata

A “Bar Sicilia”, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 3 novembre 2019, per la 83ª puntata è nostro ospite Alessandro Pagano, parlamentare nazionale e vicepresidente del Gruppo parlamentare della Lega alla Camera dei Deputati.

Pagano è stato pioniere della Lega in Sicilia, quando il Carroccio a livello nazionale non superava il 3 per cento e nell’Isola aveva percentuali da zerovirgola, mentre alle ultime europee nella nostra regione ha ottenuto oltre il 20 per cento.

“La piazza di 15 giorni fa a San Giovanni – osserva Pagano – non si era vista mai così piena da decenni. Le scorse elezioni in Umbria hanno dimostrato la fiducia nei confronti di Matteo Salvini, che si conferma persona seria, apprezzata da molti, ed è un leader affidabile e, non ultimo, è anche un vero cristiano. Dal 2014, poco dopo che Salvini è diventato segretario della Lega, ha voluto organizzare il partito su scala nazionale, girando l’Italia da Nord a Sud, soprattutto al Sud. E la sua è stata una grande intuizione che viene apprezzata dagli Italiani. Il fatto è che più conosci Salvini e più lo voti, meno lo conosci e più ti fai condizionare dai media avversari e meno lo voti”.

Una delle battaglie che la Lega potrà fare in Sicilia è quella dell’autonomia, per l’autodeterminazione dell’Isola, in un’ottica federalista:  “Anche perchè – aggiunge l’esponente leghista – il nostro Statuto siciliano è stato svenduto dalla politica isolana. Inoltre, la Lega è l’unica risposta al malgoverno della sinistra e dei 5 Stelle, che si riempiono la bocca di slogan come quello dei “porti aperti”. Ma è anche l’unica risposta a un’Europa e a una politica controllata da realtà sovranazionali, che vogliono realizzare un’elite finanziaria e hanno interesse a togliere sempre più sovranità al popolo per poterlo controllare meglio. Noi, invece, siamo sovranisti perchè vogliamo restituire sovranità al popolo. Difendendo al contempo la nostra identità e la nostra cultura”. 

In merito al governo Musumeci, Alessandro Pagano ricorda come la Lega non abbia deputati regionali: “Tuttavia, abbiamo sostenuto Musumeci nella campagna elettorale regionale e siamo stati protagonisti della sua vittoria elettorale. Non abbiamo chiesto e non chiediamo poltrone, per cui non siamo entrati nel governo regionale. Osserviamo e portiamo avanti il nostro progetto nei territori”. 

Guarda in alto il video della 83ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco