A "Bar Sicilia" Annalisa Tardino (Lega): "Porterò in Europa le istanze dei Siciliani" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Annalisa Tardino (Lega): “Porterò in Europa le istanze dei Siciliani”

di
9 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video della 66ª puntata

Per la 66ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 9 giugno 2019, abbiamo ospite Annalisa Tardino, neo eletta al Parlamento europeo per la Lega alle elezioni del 26 maggio, con quasi 33 mila voti di preferenza.

Quarant’anni compiuti da poco, Annalisa Tardino è nata a Licata e vive a Palermo dove svolge la professione di avvocato. Dopo Matteo Salvini è stata la più votata nella lista della Lega per la circoscrizione Sicilia e Sardegna, seguita da Francesca Donato. Due donne rappresenteranno, dunque, la Sicilia fra i banchi del Parlamento di Strasburgo: “Riprendiamo in un certo senso le tradizioni siciliane – sottolinea l’on. Tardino –  visto che le famiglie in Sicilia sono tradizionalmente matriarcali. Nella Lega ho trovato persone che apprezzano le qualità personali e credo che ci sia spazio per tutti. La diceria della Lega come un partito maschilista è un pregiudizio, siamo tante le donne e i risultati dimostrano che la nostra azione viene apprezzata”. 

Vogliamo dare un’alternativa politica alla Sicilia, respingiamo per questo le terminologie offensive con cui siamo stati appellati proprio da chi ha governato per decenni in Sicilia, lasciando questa terrà così maltrattata. Dare una risposta alle problematicità della Sicilia sarà al centro della mia azione a Strasburgo. Vogliamo portare in Europa le istanze dei cittadini siciliani, soprattutto per l’economia, che è al collasso“.

Alla domanda su una sua futura eventuale disponibilità a candidarsi a presidente della Regione siciliana, non si sbilancia, ma non sbarra la porta: “Porterò avanti i compiti che mi spettano da deputato europeo. Direi che non riesco a immaginare un futuro ancora così lontano, ma da donna di partito sarò sempre disponibile alle scelte che la Lega, a partire da Matteo Salvini e dal senatore Stefano Candiani, riterrà più opportune per la nostra terra”. 

In merito alle future alleanze, ha le idee chiare sia per l’avvenire del suo partito sia per quello del centrodestra: “Auspico la formazione di un nuovo centrodestra serio, compatto e valido, non solo qui in Sicilia – aggiunge – mentre per quanto riguarda il mio partito, vorrei che la Lega crescesse nell’Isola attraverso scelte qualitative in merito alla dirigenza, perchè la gente è stanca di cialtroni e di subire l’ignoranza. La Lega è alternativa a tutto questo e sono certa che anche qui si distinguerà, così come avvenuto al Nord, per la scelta di persone competenti e valide”.  

Guarda in alto il video della sessantaseiesima puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin