15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Annalisa Tardino (Lega): “Porterò in Europa le istanze dei Siciliani”

9 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video della 66ª puntata

Per la 66ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 9 giugno 2019, abbiamo ospite Annalisa Tardino, neo eletta al Parlamento europeo per la Lega alle elezioni del 26 maggio, con quasi 33 mila voti di preferenza.

Quarant’anni compiuti da poco, Annalisa Tardino è nata a Licata e vive a Palermo dove svolge la professione di avvocato. Dopo Matteo Salvini è stata la più votata nella lista della Lega per la circoscrizione Sicilia e Sardegna, seguita da Francesca Donato. Due donne rappresenteranno, dunque, la Sicilia fra i banchi del Parlamento di Strasburgo: “Riprendiamo in un certo senso le tradizioni siciliane – sottolinea l’on. Tardino –  visto che le famiglie in Sicilia sono tradizionalmente matriarcali. Nella Lega ho trovato persone che apprezzano le qualità personali e credo che ci sia spazio per tutti. La diceria della Lega come un partito maschilista è un pregiudizio, siamo tante le donne e i risultati dimostrano che la nostra azione viene apprezzata”. 

Vogliamo dare un’alternativa politica alla Sicilia, respingiamo per questo le terminologie offensive con cui siamo stati appellati proprio da chi ha governato per decenni in Sicilia, lasciando questa terrà così maltrattata. Dare una risposta alle problematicità della Sicilia sarà al centro della mia azione a Strasburgo. Vogliamo portare in Europa le istanze dei cittadini siciliani, soprattutto per l’economia, che è al collasso“.

Alla domanda su una sua futura eventuale disponibilità a candidarsi a presidente della Regione siciliana, non si sbilancia, ma non sbarra la porta: “Porterò avanti i compiti che mi spettano da deputato europeo. Direi che non riesco a immaginare un futuro ancora così lontano, ma da donna di partito sarò sempre disponibile alle scelte che la Lega, a partire da Matteo Salvini e dal senatore Stefano Candiani, riterrà più opportune per la nostra terra”. 

In merito alle future alleanze, ha le idee chiare sia per l’avvenire del suo partito sia per quello del centrodestra: “Auspico la formazione di un nuovo centrodestra serio, compatto e valido, non solo qui in Sicilia – aggiunge – mentre per quanto riguarda il mio partito, vorrei che la Lega crescesse nell’Isola attraverso scelte qualitative in merito alla dirigenza, perchè la gente è stanca di cialtroni e di subire l’ignoranza. La Lega è alternativa a tutto questo e sono certa che anche qui si distinguerà, così come avvenuto al Nord, per la scelta di persone competenti e valide”.  

Guarda in alto il video della sessantaseiesima puntata

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.