A "Bar Sicilia" Carolina Varchi (Fratelli d'Italia): "Noi sovranisti per cambiare l'Europa" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Carolina Varchi (Fratelli d’Italia): “Noi sovranisti per cambiare l’Europa” | VIDEO

di
31 Marzo 2019

 

Guarda in alto il video della 56ª puntata

Per la 56ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 31 marzo 2019, è ospite Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia.

Con riferimento alla politica nazionale, Carolina Varchi spiega il successo di “Fratelli d’Italia” che, nonostante la crescita della Lega, viene data in perfetta salute, ma racconta anche quali sono i programmi in vista delle elezioni europee: “A settembre Giorgia Meloni ha lanciato il progetto di un nuovo soggetto politico. Le europee saranno uno spartiacque e noi lo diciamo chiaramente, siamo conservatori e sovranisti e su questa base intendiamo far partire questa nuova fase già all’indomani delle elezioni di maggio”. Alla domanda se si candiderà o meno alle europee, risponde affermativamente: “Fin dal primo momento ho dato la disponibilità al partito perchè in Europa si combattono le battaglie più importanti del nostro tempo. Noi siamo sovranisti e vogliamo cambiare questa Europa, valorizzando il ruolo degli Stati sovrani”.

In merito all’ipotesi di un centrodestra futuro su base nuova che faccia riferimento ai principi propugnati da Fratelli d’Italia, Varchi sottolinea che “C’è l’ambizione di creare un polo autenticamente sovranista che possa anche ambire al governo della Nazione e superi l’attuale esecutivo grillo-leghista”. Riguardo al congresso sulle famiglie che si è svolto a Verona, sottolinea come la posizione di “Fratelli d’Italia” sia tesa a valorizzare e difendere temi come la tutela della vita, della famiglia naturale e della libertà educativa delle famiglie: “Sono temi su cui non recediamo, sono per noi principi non negoziabili. Non sono sacrificabili sull’altare di un contratto di governo, come è stato fatto da questo esecutivo”.

Rispetto al governo regionale targato Nello Musumeci, afferma “in Sicilia il centrodestra lavora. Il bilancio del governo è positivo, ma è evidente che sarà necessario un cambio di passo per allontanare il brutto ricordo di cinque anni di Crocetta che hanno devastato la Sicilia”. 

Infine, uno sguardo sui sindaci delle tre aree metropolitane: il giudizio è positivo sul primo cittadino di Catania Salvo Pogliese, possibilista sul sindaco messinese Cateno De Luca, mentre non fa sconti al palermitano Leoluca Orlando: “Leggiamo di Palermo sulle cronache nazionali solo quando Orlando si occupa di migranti, ma, ormai è evidente, non bada in nessun modo ai problemi della città. La sensazione è di vivere in una città abbandonata a se stessa”. 

Guarda in alto il video della 56ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin