A "Bar Sicilia" Carolina Varchi (Fratelli d'Italia): "Noi sovranisti per cambiare l'Europa" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Carolina Varchi (Fratelli d’Italia): “Noi sovranisti per cambiare l’Europa” | VIDEO

31 Marzo 2019

 

Guarda in alto il video della 56ª puntata

Per la 56ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 31 marzo 2019, è ospite Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia.

Con riferimento alla politica nazionale, Carolina Varchi spiega il successo di “Fratelli d’Italia” che, nonostante la crescita della Lega, viene data in perfetta salute, ma racconta anche quali sono i programmi in vista delle elezioni europee: “A settembre Giorgia Meloni ha lanciato il progetto di un nuovo soggetto politico. Le europee saranno uno spartiacque e noi lo diciamo chiaramente, siamo conservatori e sovranisti e su questa base intendiamo far partire questa nuova fase già all’indomani delle elezioni di maggio”. Alla domanda se si candiderà o meno alle europee, risponde affermativamente: “Fin dal primo momento ho dato la disponibilità al partito perchè in Europa si combattono le battaglie più importanti del nostro tempo. Noi siamo sovranisti e vogliamo cambiare questa Europa, valorizzando il ruolo degli Stati sovrani”.

In merito all’ipotesi di un centrodestra futuro su base nuova che faccia riferimento ai principi propugnati da Fratelli d’Italia, Varchi sottolinea che “C’è l’ambizione di creare un polo autenticamente sovranista che possa anche ambire al governo della Nazione e superi l’attuale esecutivo grillo-leghista”. Riguardo al congresso sulle famiglie che si è svolto a Verona, sottolinea come la posizione di “Fratelli d’Italia” sia tesa a valorizzare e difendere temi come la tutela della vita, della famiglia naturale e della libertà educativa delle famiglie: “Sono temi su cui non recediamo, sono per noi principi non negoziabili. Non sono sacrificabili sull’altare di un contratto di governo, come è stato fatto da questo esecutivo”.

Rispetto al governo regionale targato Nello Musumeci, afferma “in Sicilia il centrodestra lavora. Il bilancio del governo è positivo, ma è evidente che sarà necessario un cambio di passo per allontanare il brutto ricordo di cinque anni di Crocetta che hanno devastato la Sicilia”. 

Infine, uno sguardo sui sindaci delle tre aree metropolitane: il giudizio è positivo sul primo cittadino di Catania Salvo Pogliese, possibilista sul sindaco messinese Cateno De Luca, mentre non fa sconti al palermitano Leoluca Orlando: “Leggiamo di Palermo sulle cronache nazionali solo quando Orlando si occupa di migranti, ma, ormai è evidente, non bada in nessun modo ai problemi della città. La sensazione è di vivere in una città abbandonata a se stessa”. 

Guarda in alto il video della 56ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03