A "Bar Sicilia" "Diventerà Bellissima" con Aricò e Savarino: "Noi indispensabili per far vincere il centrodestra" | VIDEO | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” “Diventerà Bellissima” con Aricò e Savarino: “Noi indispensabili per far vincere il centrodestra” | VIDEO

di
30 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video della 69ª puntata

Per la 69ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 30 giugno 2019, parliamo di “Diventerà bellissima” insieme al capogruppo all’Ars Alessandro Aricò e a Giusi Savarino, presidente della IV Commissione regionale territorio e ambiente.

Alla domanda su dove vuole andare “Diventerà bellissima”, Alessandro Aricò spiega: “Il nostro movimento ha dimostrato di avere cambiato i meccanismi della politica regionale. Il centrodestra per come lo vediamo ora è stato ricostruito in Sicilia grazie alla figura di Nello Musumeci e alle sue intuizioni. In questa nuova fase stiamo valutando cosa fare per far crescere ulteriormente la Sicilia”.

Secondo alcuni osservatori, il presidente Musumeci non avrebbe ancora fatto schierare “Diventerà bellissima”, in attesa della ricerca di un accordo con la Lega anche in merito alla suddivisione dei seggi uninominali: “E’ chiaro che se si vuole costruire una nuova forza – sottolinea Giusi Savarino c’è bisogno di tempo. Se poi questo non vi dovesse essere a causa di elezioni anticipate, è altrettanto chiaro quanto possa essere indispensabile nel centrodestra una forza come Diventerà bellissima per far sì che i collegi uninominali passino dal M5s al centrodestra. Serve al centrodestra trovare una sinergia che sia in grado di far fare un cambio di passo alla coalizione”. 

In merito al fatto che in varie occasioni (le ultime la scorsa settimana) la maggioranza di centrodestra è andata giù in Aula all’Ars, sempre Giusi Savarino spiega: “Stiamo cercando di costruire sulle leggi più importanti una sintonia larga con varie forze politiche. Su temi importanti con il presidente Musumeci stiamo cercando di scardinare un sistema di potere. Lo stiamo facendo per esempio sul sistema rifiuti”. 

Per quanto riguarda i sommovimenti all’Ars con la nascita di nuovi gruppi vicini a Musumeci, come quello guidato dal giovane Luigi Genovese, Aricò afferma come non vi sia in atto “alcuna campagna acquisti”: C’è la costituzione di un nuovo gruppo parlamentare, perchè evidentemente i partiti che in questi ultimi 20 anni hanno governato non riescono più ad avere l’appeal di un tempo. questo comporta che ci sono vari esponenti politici che guardano con interesse al lavoro che stiamo facendo. Se vi sono colleghi che vogliono aderire al progetto della coalizione di governo che ben vengano”. 

Guarda in alto la video intervista completa

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin