A "Bar Sicilia" è ospite Carlo Vizzini: "La Regione con Musumeci non diventerà bellissima" | VIDEO :ilSicilia.it

La rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” è ospite Carlo Vizzini: “La Regione con Musumeci non diventerà bellissima” | VIDEO

di
24 Febbraio 2019

Guarda in alto il video della 51ª puntata

Per la cinquantunesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 24 febbraio 2019, è ospite Carlo Vizzini, senatore per diverse legislature e più volte ministro della Repubblica.

In merito alla politica nazionale, Vizzini sottolinea che il clima è molto diverso rispetto ai primi anni Novanta quando c’era una “campagna ben organizzata dai procuratori della Repubblica che mandò a casa il pentapartito, mentre stranamente si salvò l’ex Pci, già Pds. […] Oggi che piaccia o no è stato il popolo che ha portato al governo le attuali forze politiche, con la differenza che non c’è però un’alleanza politica ma un governo che si basa sull’esecuzione di un contratto, alla fine del quale presumibilmente si scioglierà“. A proposito della sinistra e della sua crisi, spiega che da sola è difficile, se non impossibile, che possa andare al governo. “Per farlo – afferma – è necessario in futuro confrontarsi con il centro”. Critica l’esperienza di Matteo Renzi e la sua scelta di sovrapporre la propria azione di governo al referendum costituzionale, perso il quale è cominciato il declino inevitabile dello stesso Renzi.

Sul governo regionale guidato da Nello Musumeci non usa mezzi termini e dice che la Sicilia con il suo governo “non diventerà bellissima“: “Non c’è una maggioranza chiara e non vedo alcun segnale di progetto politico“.

Carlo Vizzini è anche da sempre un appassionato di sport e soprattutto di calcio. Da tifoso del Palermo qual è, sottolinea come rispetto al passato il calcio sia diventato un’industria, i grossi club nazionali oramai sono in mani straniere e “nessuno può intervenire per salvare il Palermo se non gli imprenditori“: “Credo che Zamparini farà ancora qualche passo perchè non ha interesse che il Palermo fallisca, passerebbe i guai se questo dovesse avvenire”.

Sempre in merito allo sport a Palermo, preannuncia la prossima riapertura del Velodromo dello Zen: “Mi sto occupando di questo impianto, si potrebbe riaprire entro la metà dell’anno, rimesso a posto, con gli spalti sistemati e il campo in erba sintetica adeguato anche per i grandi concerti. Non nego che ci siano problemi soprattutto legati al fatto che siamo allo Zen, ma io sono tenace. Sappiano che non ci fermiamo”. 

Guarda in alto il video della 51ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.