A "Bar Sicilia" è ospite Giorgia Meloni: "Sul governo regionale giudizio sospeso" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” è ospite Giorgia Meloni: “Sul governo regionale giudizio sospeso” | VIDEO

di
10 Marzo 2019

 

Guarda in alto il video della 53ª puntata di “Bar Sicilia”

Per la cinquantatreesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica della domenica de ilSicilia.it, con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi domenica 10 marzo 2019, ospite d’eccezione è la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, in Sicilia per cominciare a lanciare la volata del suo partito nell’Isola in vista delle Europee.

In merito agli attuali assetti politici, ai nostri microfoni spiega come in futuro non vede la possibilità di ripetere il centrodestra come lo avevamo conosciuto in passato: “Quello che stiamo facendo noi con Fratelli d’Italia è di aprire i confini tradizionali della destra anche ad altre realtà, culture, storie e personalità che si sono sentite disperse in questi anni e non più rappresentate, per costruire un secondo grande movimento nell’ambito del centrodestra, alleato ma distinto dalla Lega”.

E aggiunge, guardando all’ipotesi di un governo futuro: “C’è un’altra maggioranza possibile, di persone che condividono fra loro i valori e le scelte, cosa che Lega e 5 Stelle non possono fare perchè in tutte le scelte dirimenti i 5 Stelle hanno posizioni di sinistra”. 

Rispetto alla Sicilia e alle recenti posizioni assunte da Nello Musumeci, che ha “aperto al centro” dichiarando la neutralità di “Diventerà bellissima” alle prossime europee, Giorgia Meloni sottolinea che “in futuro Musumeci si ravvederà”: “Non so perchè il presidente Musumeci abbia fatto queste dichiarazioni. Non le condivido, temo che sia il tentativo di mantenere la maggioranza compatta. Io sarei stata più coraggiosa. Ma va bene così, è un segnale di chiarezza: i siciliani che alle europee vogliono votare a destra sanno adesso che l’unica forza che possono scegliere è Fratelli d’Italia. Il giudizio sul governo regionale è un giudizio sospeso, io credo che Musumeci stia facendo un grande lavoro di riorganizzazione della macchina regionale. Mi pare che un primo risultato sia sulla spesa dei fondi europei. Quindi una riorganizzazione sta funzionando. Ma ora aspettiamo anche che arrivi la fase in cui i cittadini vedano anche le risposte. E posso dire che i primi risultati sono merito di Fratelli d’Italia”.

La leader di Fratelli d’Italia si dice d’accordo con la costruzione del Ponte sullo Stretto, ma anche di tutte quelle infrastrutture in grado di ammodernare il sistema dei trasporti e la condizione complessiva della viabilità, ricordando che uno degli obiettivi è lo sviluppo, da realizzare anche portando l’alta velocità a sud di Salerno, visto che ancora oggi i treni ad alta velocità non vanno più a sud.

Su giovani e reddito di cittadinanza, rispondendo a una domanda di Veronica Gioè, Giorgia Meloni rivolge giudizi pesanti all’indirizzo del provvedimento simbolo del Movimento 5 Stelle: “Il punto è se la politica ha o no il coraggio di investire sul lungo periodo. A me pare che la politica così facendo preferisca fare cassa elettorale. Il reddito di cittadinanza non produce lavoro, perchè fra un anno i siciliani che lo otterranno dovranno optare se accettare eventualmente un lavoro lontani dalla Sicilia. Ma il tema è creare lavoro vero in Sicilia, non assistenzialismo e false promesse. Noi abbiamo fatto tante proposte, che hanno proprio questo scopo. La gente si accorgerà troppo tardi che con il reddito di cittadinanza è stata presa in giro, perchè quando avverrà avrà già votato per le elezioni europee”. 

Guarda in alto il video della 53ª puntata di “Bar Sicilia”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin