A "Bar Sicilia" Ferrandelli e Guglielmino ("Più Europa"): "Noi l'alternativa liberale al Conte bis" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Ferrandelli e Guglielmino (“Più Europa”): “Noi l’alternativa liberale al Conte bis” | VIDEO

di
17 Novembre 2019

 

Guarda in alto il video della 85ª puntata

A “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 17 novembre 2019, per la 85ª puntata sono nostri ospiti Fabrizio Ferrandelli (consigliere comunale a Palermo e responsabile nazionale organizzazione di “Più Europa”) e Chiara Guglielmino (Più Europa – Catania).

Con i due esponenti del movimento che ha per leader Emma Bonino, si è parlato di scenari nazionali ma anche di politica siciliana e locale, soprattutto con riferimento a Palermo e Catania: “Vogliamo dare una risposta e un’opportunità – spiega Ferrandelli – a tutte quelle persone che si piazzano all’opposizione rispetto a questo governo Conte bis che è un’oscenità, riunendo attorno a noi quelle forze che non sono sovraniste e vogliono un’alternativa possibile. Lo stiamo facendo con Carlo Calenda, ma anche con i Verdi e con altre realtà che non sono d’accordo a questo inciucio, ma che non si sentono rappresentate da Lega e Fratelli d’Italia”. 

“Noi siamo abituati a vedere sempre le stesse facce e gli stessi argomenti – sottolinea Guglielmino – “Più Europa” dà la possibilità di rappresentare le istanze dei territori. Penso all’area di Catania, che una volta era considerata la Milano del Sud, mentre  adesso soffre una profonda crisi. Pensiamo al teatro Bellini o ad Acireale, che non potrà più ospitare i grandi concerti. Noi stiamo sfidando la vecchia politica in una maniera semplice, cioè tornando ai territori, Chi ha amministrato le piccole realtà conosce i problemi”. 

L’affondo di Ferrandelli è soprattutto contro l’amministrazione comunale targata da Leoluca Orlando: “Qui a Palermo abbiamo un sindaco che è sempre lo stesso da decenni – dice – Orlando ha una visione statalista, quasi sovietica della macchina pubblica, mentre noi stiamo costruendo un’alternativa. Io penso che il privato non sia sinonimo di malaffare, ma anzi sia un’opportunità per dare servizi più efficienti mantenendo nelle mani del pubblico il controllo e le sanzioni. Orlando è un monarca, un accentratore, non gestirà mai la continuità amministrativa di questa città. Io, invece, sono impegnato a costruire una lista per Palermo. Sicuramente vogliamo aggregare tutte le forze liberal democratiche, lasciando fuori gli estremi, da una parte Lega e Fratelli d’Italia e dall’altra la sinistra estrema”. 

Se Palermo piange, per Chiara Guglielmino Catania non ride: “Noi stiamo aggregando amministratori locali in tutta la sicilia, perché vogliamo che chi viene dal basso possa emergere ed essere un nuovo quadro dirigente. A Catania c’è una bella officina che sforna politici in continuazione, ma la città soffre e gli imprenditori lo vedono. Io vengo da Zafferana Etnea, produciamo il 17 per cento del miele di tutta Italia, ma siamo totalmente abbandonati dalle istituzioni”. 

Guarda in alto il video della 85ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco