A Bar Sicilia Gianni Puglisi parla di Università, cultura e... Berlusconi | CLICCA E GUARDA IL VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 172

A Bar Sicilia Gianni Puglisi parla di Università, cultura e… Berlusconi | CLICCA E GUARDA IL VIDEO

di
17 Ottobre 2021

CLICCA E GUARDA IL VIDEO

L’ospite della puntata numero 172 di Bar Sicilia è il professore Gianni Puglisi, rettore dell’Università Kore di Enna, presidente emerito della Commissione italiana per l’Unesco e vicepresidente del cda dell’Enciclopedia Treccani e tanto altro ancora, con il quale il direttore de ilSicilia.it Manlio Melluso e il direttore editoriale Maurizio Scaglione hanno chiacchierato dei temi più svariati.

Si parla innanzitutto di Università, visto che Gianni Puglisi è anche presidente del Consiglio regionale dei rettori degli Atenei siciliani: “Sono grato ai miei colleghi rettori degli atenei di Palermo, Catania e Messina per avermi chiesto di fare questo tipo di coordinamento. Coordinare le università siciliane è un lavoro facile perché è un lavoro effettivamente di coordinamento e l’autonomia degli atenei è ‘piena’, non c’è nessuna influenza. Ma nello stesso tempo è un lavoro difficile perché si tratta di trovare un fil rouge che leghi i quattro atenei in una politica strategica verso le istituzioni che spesso, o per insipienza o per abitudine o per difficoltà interne alle istituzioni stesse, sono abbastanza”.

A questo punto si parla di Enna e del rapporto con la Kore. E non può mancare una battuta su Mirello Crisafulli, che nel territorio si è speso per il prestigioso istituto di formazione universitaria: “L‘Università Kore ha una peculiarità, quella di essere la più giovane della Sicilia: è nata poco più di 15 anni fa ed è merito anche di Mirello Crisafulli che si è speso all’epoca in maniera anche guerriera per riuscire a ottenere le autorizzazioni ministeriali. Ma fa parte della natura al senatore Crisafulli non demordere mai sui progetti che lui individua nel suo percorso politico e culturale nel territorio di cui si è occupato stabilmente. Il tema è che la Università di Enna non può vivere soltanto dell’enclave ennese. E infatti il Università di Enna e porta le sue radici lontana da noi i nostri strumenti li prendiamo da tutta la Sicilia“.

il professore Puglisi si sofferma quindi a parlare di quelli che sono i rapporti tra l’università, intesa come istituzione, e la politica: “Se faccio un’anamnesi personale, riguardo alla mia storia e al mio impegno accademico nell’Università italiana, che hanno superato il mezzo secolo, non posso dire che l’Università non debba guardare alla politica. L’Università è un pezzo della società civile, l’Università è un pezzo di questo paese, un pezzo importante. L’Università ha il diritto-dovere di occuparsi della politica e di essere presente nella politica, di dialogare con la politica”. a questo punto la precisazione: “Il fare politica dell’università è cosa diversa“.

Quindi un ricordo personale ‘in tema’ che Puglisi ripropone che riguarda la ‘chiamata’ di Silvio Berlusconi: “Ricordo nel 1997 mi fece una corte serrata perché io mi candidassi alla carica di sindaco di Palermo. Ci furono delle simpatiche interlocuzioni col presidente Berlusconi a Palazzo Grazioli, che ricordo sempre con simpatia perché ci troviamo davanti a un uomo intelligente e brillante. Alla fine, quando il presidente mi mise davanti all’alternativa secca e mi disse ‘professore, mi deve dire sì o no’. Io avevo fatto un po’ di melina, visto che un po’ di esperienza politica, da vecchio socialista, ce l’ho. Quando alla fine dovevo scegliere, io dissi ‘presidente, mi sembra che fosse chiara la mia scelta, ma se lei vuole detto…’, ma lui mi interruppe alzando una mano: ‘Basta, ho capito’, disse“. E non se ne fece nulla.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin