A Bar Sicilia Giuseppe Notarstefano, primo siciliano presidente dell'Azione Cattolica | VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 165

A Bar Sicilia Giuseppe Notarstefano, primo siciliano presidente dell’Azione Cattolica | VIDEO

di
11 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO

La puntata numero 165 di Bar Sicilia ha visto ospite del direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e del direttore editoriale Maurizio Scaglione il Presidente dell’Azione Cattolica Giuseppe Notarstefano, primo siciliano alla guida dell’associazione in Italia.

Notarstefano parla di quelle che sono le prime sensazioni per un ruolo di così alta responsabilità: “Indubbiamente mi dà una grandissima emozione, innanzitutto perché è una bella occasione di servizio per un’associazione che ha accompagnato la mia fase di crescita e di maturazione umana, anche perché ci troviamo in un momento molto importante per il nostro Paese, e inoltre il fatto di essere anche il primo siciliano implica una certa responsabilità“.

L’Azione Cattolica di oggi è fortemente attrattiva verso le giovani generazioni, come spiega Notarstefano: “L’Azione Cattolica del 2021 è molto giovane – afferma -. Siamo un’associazione presente in quasi tutto il territorio nazionale. Noi usiamo l’articolazione ecclesiastica, con ambiti sub-regionali, da Cortina d’Ampezzo Lampedusa: un po’ ovunque ci sono gruppi di Azione Cattolica che sono fatti da giovani, che non siamo noi a dover salvare, anzi. Sono loro che stanno salvando l’esperienza associativa“.

L’Azione Cattolica fa parte dell’Alleanza contro la povertà, un ‘contenitore’ di associazioni, esperti e tecnici che studia il fenomeno e le metodologie per contrastarlo. In particolare, uno degli oggetti di studio è il miglioramento del reddito di cittadinanza: “Il contrasto della povertà è il primo degli obiettivi dello sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Passi avanti se ne sono fatti, la povertà assoluta nel mondo è diminuita. Però chiaramente crescono nuove forme di povertà e certamente la pandemia ci ha consegnato una situazione molto difficile. Allora attraverso questo lavoro che stiamo facendo insieme a una serie di esperti, studiosi e tante realtà che lavorano concretamente nei territori ci rendiamo conto che oggi il tema della povertà va trattato in diverse direzioni: una è il sostegno al reddito. Ecco il discorso sul reddito di cittadinanza, una misura problematica che deve però evolversi nella sua finalità specifica generale: una misura temporanea di sostegno al reddito tendente a far trovare il lavoro al beneficiario“.

L’Azione Cattolica da sempre si mette al servizio di tante categorie della popolazione, una di queste sono senza dubbio gli anziani, per i quali però, con il Covid e soprattutto durante il lockdown, si sono dovuti sostituire i servizi di prossimità o si è dovuto reinventarli: “E’ stata davvero una un periodo di grande shock – afferma Notarstefano – che ha messo alla prova tutta la nostra capacità di fare associazione, perché fare associazione significa lavorare sulle relazioni, progettare, fare eventi, iniziative. Ma abbiamo visto che l’associazione è forte, ha saputo resistere: ci siamo resi conto che la cosa più importante sono le relazioni tra le persone. E abbiamo visto che gli ‘adultissimi’, ci piace questa espressione, hanno usato le piattaforme telematiche come zoom, meet, e riuscivano a fare i loro incontri di formazione, i momenti di riflessione culturale o di riflessione spirituale. Alcuni si sono organizzati con i nipoti“, racconta il presidente dell’Azione Cattolica.

Notarstefano è docente di Statistica Economica alla Lumsa, da qui un commento tra il ‘tecnico’ e lo ‘spirituale’ sulla destinazione delle risorse del Recovery Fund: “Il PNRR è per la sua dimensione finanziaria uno strumento che potenzialmente potrebbe cambiare la struttura sociale del nostro Paese. Dobbiamo ringraziare il Presidente Draghi che è riuscito a portare nell’aula del parlamento una discussione di grande elaborazione. Ne è uscito un piano molto strutturato rispetto a come era partito, piano che infatti è stato apprezzato anche a livello europeo. Ora la questione non riguarda soltanto gli obiettivi sul piano della struttura, delle priorità, che teoricamente sono molto interessanti perché si parla di transizione ecologica, di transizione digitale, si parla di inclusione… ma dal mio punto di vista si tratta anche di pensare a come si agisce su quella visione di società più coesa, più attenta ai poveri, più capace di scommettere più sulle persone e sulle sulle buone relazioni tra loro“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin