20 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.36

La rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” gli attori Paride Benassai e Maurizio Bologna: “Parliamo di politica spicciola, non portate contanti” | VIDEO

29 Luglio 2018

 Guarda il video della venticinquesima puntata in alto

Oggi, domenica 29 luglio, per la venticinquesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica domenicale de ilSicilia.it condotta in redazione da Giuseppe Bianca e Rosa Guttilla sono ospiti Paride Benassai e Maurizio Bologna. Due tra gli attori più amati del panorama siciliano e palermitano che chiudono con noi questa stagione della nostra rubrica che ritornerà il 2 settembre, dopo la pausa estiva, con nuovi ospiti e argomenti di attualità.

Una puntata un po’ diversa quella di oggi che si snoda attraverso gag, nonsense, battute caustiche e metafore sopraffine che con nonchalance sfiorano temi caldi ma con autoironia. E’ così che Bologna e Benassai non tralasciano di schermirsi (“discorsi di politica possiamo farne solo al bar, siamo nel posto giusto“) toccando poi en passant il dramma dell’intolleranza che per l’occasione assume i contorni di un’abbronzatura eccessiva. O ancora il problema degli stereotipi legati ai siciliani.

Attori iconoclasti, sostengono la pratica attoriale come pietra di paragone della visione del mondo. Una sorta di kantiana “Weltanschauung” in salsa sicula, dunque, che come sempre ci ricorda quanto il popolo siciliano sia portato a sdrammatizzare qualunque argomento, anche il più scabroso.

Buona visione con la venticinquesima puntata di Bar Sicilia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.