20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

La rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” gli attori Paride Benassai e Maurizio Bologna: “Parliamo di politica spicciola, non portate contanti” | VIDEO

29 luglio 2018

 Guarda il video della venticinquesima puntata in alto

Oggi, domenica 29 luglio, per la venticinquesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica domenicale de ilSicilia.it condotta in redazione da Giuseppe Bianca e Rosa Guttilla sono ospiti Paride Benassai e Maurizio Bologna. Due tra gli attori più amati del panorama siciliano e palermitano che chiudono con noi questa stagione della nostra rubrica che ritornerà il 2 settembre, dopo la pausa estiva, con nuovi ospiti e argomenti di attualità.

Una puntata un po’ diversa quella di oggi che si snoda attraverso gag, nonsense, battute caustiche e metafore sopraffine che con nonchalance sfiorano temi caldi ma con autoironia. E’ così che Bologna e Benassai non tralasciano di schermirsi (“discorsi di politica possiamo farne solo al bar, siamo nel posto giusto“) toccando poi en passant il dramma dell’intolleranza che per l’occasione assume i contorni di un’abbronzatura eccessiva. O ancora il problema degli stereotipi legati ai siciliani.

Attori iconoclasti, sostengono la pratica attoriale come pietra di paragone della visione del mondo. Una sorta di kantiana “Weltanschauung” in salsa sicula, dunque, che come sempre ci ricorda quanto il popolo siciliano sia portato a sdrammatizzare qualunque argomento, anche il più scabroso.

Buona visione con la venticinquesima puntata di Bar Sicilia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.