A Bar Sicilia il 'Recovery Nord' e il Sud dimenticato con Cartabellotta e Cicero | VIDEO :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

puntata numero 155

A Bar Sicilia il ‘Recovery Nord’ e il Sud dimenticato con Cartabellotta e Cicero | VIDEO

di
2 Maggio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Bar Sicilia si parla di Recovery plan, con la marginalizzazione del Sud e della Sicilia. Ospiti del direttore responsabile de ilSiiclia.it Manlio Melluso e del direttore editoriale Maurizio Scaglione nella puntata numero 155 sono Dario Cartabellotta, dirigente generale dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione siciliana, e Mario Cicero, sindaco di Castelbuono e animatore della rete ‘Recovery Sud’, alla quale aderiscono gli amministratori dei Comuni del Mezzogiorno che rivendicano una maggiore attenzione nel Recovery plan.

La discussione è preceduta da un contributo del professor Pietro Busetta, economista, che pur riconoscendo a Mario Draghi la capacità di condurre l’Italia fuori dalla crisi economica, critica la mancanza di attenzione e di visione per il Mezzogiorno d’Italia.

Dario Cartabellotta

Ma cosa è esattamente il Recovery Fund? Un primo quadro lo fa Cartabellotta, che lo collega alla strategia per l’agricoltura: “È un intervento deciso dall’Unione Europea per il superamento di tutto ciò che ha lasciato nel nostro continente la pandemia da coronavirus – dice il dirigente regionale -. Una fetta importante è destinata allo sviluppo rurale, quindi tutto ciò che viene definito oggi rivoluzione verde e agricoltura sostenibile, che si aggancia al Piano di sviluppo rurale attualmente vigente. L’Europa ha preso tutto questo da una comunicazione fatta nel maggio 2020 che ha agganciato l’agricoltura alla strategia del Green Deal, quindi il nuovo corso verde, e del Farm to fork, il cibo che va dall’ agricoltore ‘vero’ alla tavola“.

Attacco frontale e senza remore quello portato avanti da Mario Cicero alla gestione delle risorse del PNRR, che punta il dito contro chi ha mostrato disinteresse per la marginalizzazione del Mezzogiorno nella distribuzione delle somme: “L’associazione dei comuni d’Italia è assente – afferma il sindaco del comune madonita -, l’ho detto l’altro giorno al consiglio direttivo dell’Anci a trazione nordista. Il presidente nazionale, pur essendo di Bari, non ha preso posizione, anzi ha assecondato le scelte che ha fatto il governo. Io ho invitato a confronto i deputati e senatori del Mezzogiorno d’Italia e della Sicilia, ma si sono presentati soltanto in quattro. Invece abbiamo avuto un grande sostegno da parte della Conferenza Episcopale. C’è ancora una volta un furto grossissimo, stanno rubando 60 miliardi che erano assegnati dalla Commissione

Mario Cicero

Europea al Mezzogiorno d’Italia. Il nostro Paese ha avuto queste somme perché il Mezzogiorno d’Italia purtroppo non riesce a mantenersi al passo e ad adeguarsi alle alle strutturarsi sul piano delle Infrastrutture dell’occupazione e del contrasto alla povertà povertà“.

Quali sono i provvedimenti da intraprendere per indirizzare al meglio le misure del Recovery Plan? Cartabellotta ricorda: “Nelle prefazione del Recovery le prime pagine scritte di pugno da Mario Draghi, dal premier, c’è chiaramente indicato il problema italiano della pubblica amministrazione: una pubblica amministrazione che deve avere un ricambio generazionale, perché i giovani che hanno studiato sono sicuramente più pronti in maniera digitale all’evoluzione e all’attuazione del Recovery Plan e per questo devono entrare nella pubblica amministrazione. Seconda cosa importante è la riforma della P.A”. In sintesi, “Riforma della pubblica amministrazione, ringiovanimento e revisione delle procedure sono il modo in cui potremo affrontare dalle Alpi a Pantelleria“.

Un dato emerge dalla discussione: questa volta non si può puntare il dito contro l’Europa: “Bruxelles ci ha considerato e anzi allo Stato italiano sono state date queste risorse perché bisogna investire principalmente al Sud – afferma Cicero – Ritengo invece che occorra un po’ di memoria storica: se vi ricordate, nel 2007, nel 2008 e nel 2009 abbiamo fatto decine e decine di conferenze in cui si è discusso dell’area di libero scambio, che doveva partire nel 2010. Un’idea geniale che allora ha avuto presidente Prodi, quando era presidente della Commissione europea e che avrebbe fatto diventare la Sicilia piattaforma libera per milioni di persone e di una quantità enorme di merci.  Ce ne siamo dimenticati. C’è stato un momento in cui si è bloccato tutto, tutto è ritornato al Nord perché è cambiato il governo nazionale ed è cambiata l’impostazione a livello europeo“. Laconica la conclusione del sindaco di Castelbuono: “A noi da 160 anni ci rubano il futuro“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco