20 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.36

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” il vicepresidente della Regione Armao: “Nessun dipendente delle Partecipate perderà il lavoro” | VIDEO

9 Settembre 2018

Guarda in alto il video della ventisettesima puntata

Ospite della ventisettesima puntata di Bar Sicilia, la rubrica della domenica de ilSicilia.it condotta in redazione da Giuseppe Bianca, Alberto Samonà, Maurizio Scaglione, oggi, domenica 9 settembre, è Gaetano Armao, assessore all’Economia nel governo regionale guidato da Nello Musumeci e vicepresidente della Regione Siciliana.

L’assessore Armao racconta i dettagli dell’incontro avuto nei giorni scorsi con il ministro Tria sui rapporti fra la Regione e lo Stato e sulle contribuzioni che ogni anno l’Isola è costretta a pagare a Roma. Il vicepresidente della Regione spiega anche che si andrà avanti nella politica di ridurre le società partecipate ritenute superflue e di accorpamento di quelle strategiche (come Ircac e Crias). Armao, a questo proposito, annuncia che la politica di accorpamento e rimodulazione delle Partecipate non graverà sui dipendenti: “I lavoratori possono stare tranquilli perché nessuno perderà il lavoro. E’ in corso di definizione un elenco a cui si potrà attingere, per cui saranno mantenuti i livelli occupazionali per i dipendenti di queste società”.

Per quanto riguarda l’immediato futuro, Gaetano Armao non nasconde che se ci fossero le condizioni politiche sarebbe disposto a candidarsi alle prossime elezioni europee di primavera. Il messaggio a Forza Italia e anche alla Lega è arrivato forte e chiaro.

Buona visione con la ventisettesima puntata di Bar Sicilia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.