A "Bar Sicilia" la vicepresidente Ars Foti (M5s): "Premiata la mia capacità di mediazione" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” la vicepresidente Ars Foti (M5s): “Premiata la mia capacità di mediazione” | VIDEO

12 Gennaio 2020

 

Guarda in alto il video della 93ª puntata

Bar Sicilia, la rubrica della domenica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, giunge alla sua 93ª puntata. Questa domenica 12 gennaio 2020 abbiamo come ospite la neo vicepresidente dell’Ars Angela Foti, del Movimento 5 Stelle.

La sua elezione a vicepresidente è avvenuta nelle scorse settimane contro l’indicazione del Movimento 5 Stelle, che aveva indicato l’ex capogruppo grillino Francesco Cappello. Alla domanda su chi l’abbia votata fra i parlamentari dell’Ars, Angela Foti spiega: “Mi ha votato la maggioranza dell’Aula che ha confermato l’appoggio al Movimento 5 Stelle, che mantiene così una carica importante. C’era voglia di una donna, di un altro tipo di approccio. Quel che conta è che a un certo punto le campagne elettorali devono finire. Il mio spirito critico è abbastanza noto, ma in questi anni ho centrato alcune grandi questioni col supporto dei miei colleghi”. E ancora: “Posso dire che in questi anni e in questa legislatura sono riuscita a fare da mediatore delle esigenze di tutti i gruppi. A volte il M5s veniva escluso, tenuto fuori dai lavori di commissione, e invece, il lavoro di mediazione, il tentare di persuadere i colleghi di maggioranza, ha portato qualche risultato”.

Riguardo alle voci, sempre più insistenti, su qualche deputato regionale grillino pronto a lasciare il gruppo parlamentare del M5s e dar vita a una nuova esperienza alleata con il centrodestra, Angela Foti si mantiene molto cauta: “Fare delle considerazioni su un romanzo che ancora si deve scrivere è difficile” e punta semmai sul rilancio dell’azione politica complessiva: “La cosa certa è che il Movimento 5 stelle cercherà di agire nel merito delle azioni. Non di rado, come gruppo 5 Stelle abbiamo votato norme che ritenevamo di buon senso, le abbiamo anche proposte. E questo continueremo a fare”.

In merito, poi, al problema dei rifiuti nei centri siciliani e alla necessità o meno di costruire nuovi termovalorizzatori, spiega: “I cittadini di Palermo dovrebbero intanto prendersela con qualche sindaco. Sulla raccolta differenziata siamo ancora con le lancette dell’orologio ferme. La questione termovalorizzatori è l’ultimo step, ricordando che recenti direttive europee indicano quale indirizzo quello di spegnere gli inceneritori, dando semmai spazio all’economia circolare, che significa riutilizzo. I sindaci, più che riempire le discariche in maniera smodata, devono far pagare tutti, coinvolgere in cicli virtuosi tutte le attività domestiche e non domestiche secondo il principio del ciclo dei rifiuti, che prevede efficienza, efficacia ed economicità. Gli inceneritori, è vero, esistono da trent’anni, ma costruirli trent’anni dopo non ha senso”.

Idee chiare riguardo alle infrastrutture e ai trasporti: “Il comparto dell’edilizia langue, è vero. Su questi temi – sottolinea – la posizione del Movimento 5 stelle non è integralista” e difende l’azione di Giancarlo Cancelleri nella nuova veste di viceministro dei trasporti: “Ottimizziamo la rete esistente, sistemiamola: questo sì che è un investimento. In questi mesi il viceministro è riuscito ad attivare tantissimi cantieri. L’operatività si sta, dunque, cominciando a percepire”. 

Guarda in alto il video della 93ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.