A Bar Sicilia l'aspirante sindaco Franco Miceli disegna la sua Palermo CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 196

A Bar Sicilia l’aspirante sindaco Franco Miceli disegna la sua Palermo CLICCA PER IL VIDEO

di
3 Aprile 2022

CLICCA IN ALTO PER IL VIDEO

E’ il candidato sindaco dell’area progressista a Palermo Franco Miceli l’ospite della puntata numero 196 di Bar Sicilia. Il Presidente dell’Ordine degli Architetti ha parlato con il direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e con il direttore editoriale Maurizio Scaglione del futuro della città in caso di elezione, dell’eredità che lascia Leoluca Orlando, dei rapporti con i ‘cespugli’ dell’area progressista che al momento hanno scelto di correre per conto proprio e di tanto altro ancora.

Prima di tutto occorre rispondere alla domanda di rito a tutti i candidati sindaco: perché scendere in campo?La città ha tanti problemi da affrontare e da risolvere. La mia candidatura, che mi è stata offerta da un ampio schieramento delle forze progressiste, ha un po’ questo significato, cioè cercare di portare in campo delle realtà e delle competenze e delle conoscenze che devono essere sviluppate insieme agli attori e ai protagonisti che in questa città hanno operato e continuano a operare e che hanno bisogno sicuramente di mettere in campo idee e proposte, ma non solo: anche soluzioni“. “Hanno dovuto faticare a convincermi – sottolinea Miceli –, alla fine ce l’hanno fatta. Ci sono le possibilità per un progetto che guarda al futuro della città di Palermo”, quello che il candidato sindaco battezza come il ‘Patto per Palermo’.

Chiunque sarà, il futuro primo cittadino raccoglierà l’eredità di Leoluca Orlando, dopo decenni in cui il Professore è stato protagonista indiscusso della storia politica del capoluogo: “L’esperienza di Orlando non può essere ristretta agli ultimi anni, ma riguarda molti decenni della città – commenta Miceli – Orlando resterà nella storia di Palermo non solo come il sindaco più longevo, ma quello che ha saputo traghettare la città da una situazione, come dire, molto compressa a una dimensione più nazionale e internazionale facendo emergere alcuni valori importanti e identitari della città in un contesto molto più ampio. Cos’è che io salverei della esperienza di Orlando? Proprio questo, la sua capacità di avere messo al centro della vita della città una serie di valori che prima erano molto sbiaditi, i valori dei diritti, della cittadinanza, dell’accoglienza che sono valori importanti che secondo me bisogna continuare a mantenere. Poi la visione va coniugata con atti di governo concreti, Sulla concretezza della visione da dare alla città bisogna rivedere molte cose.

Una battuta sulla natura tecnica della sua candidatura e e sulla rappresentanza di genere che sarà eventualmente presente nella sua giunta: “Non faccio parte di nessuna forza politica, la mia è una candidatura che viene dal mondo della società civile. Sono un architetto e come tale posso contribuire a costruire un’idea diversa di città, che non è solo un’idea ma una prospettiva per la realizzazione di cose concrete. La  mia candidatura viene offerta dalla società civile alla coalizione e questo mi dà anche grandi margini di autonomia, ci tengo a dirlo: cercherò di non farmi condizionare dal sistema politico e da nessuna coalizione. Mi batterò perché la mia autonomia venga preservata. Per quel che riguarda la parità di genere io ho molta stima per il modello che vede un ruolo importante delle donne nel governo, a tutti i livelli. Ritengo importante questo principio, che è legato alla qualità delle persone e non in ragione di percentuali aride ma valorizzare le donne in ragione delle qualità che esse stesse esprimono“.

Al momento a sostenere la candidatura di Miceli sono Pd, Sinistra civica ed ecologista, M5s e alcuni movimenti civici, ma il candidato non esclude di poter dialogare anche con altri che al momento hanno deciso di correre per proprio conto, come Davide Faraone, Rita Barbera o Fabrizio Ferrandelli, o con chi deve ancora esprimersi, come Mariangela Di Gangi di Facciamo Palermo: “Fuori dalla mia logica affrontare il tema in termini di equilibri o rapporti tra le forze politiche, io parto dai problemi – spiega Miceli – Abbiamo lanciato quest’idea del Patto per Palermo, un patto per cui si dice al governo nazionale: ‘Palermo ha un progetto e ve lo rappresentiamo, un programma credibile e crediamo che la città debba avere risorse e potenzialità economiche per attuarlo e uscire dalla crisi finanziaria in cui si trova il Comune’. Questo patto lo mettiamo al centro del dibattito politico, e lo facciamo con la città e con le forze progressiste di cui fanno parte sicuramente Faraone, Italia Viva, Ferrandelli e altri. Io una telefonata la faccio a tutti, sono per il dialogo e per il confronto, ma non mi interessano tanto gli accordi telefonici, quanto il convergere sul programma e su questa idea forte del Patto per Palermo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.