A "Bar Sicilia" l'assessore al Turismo Manlio Messina: "Programmare per promuovere l'Isola" | Video | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” l’assessore al Turismo Manlio Messina: “Programmare per promuovere l’Isola” | Video

21 Luglio 2019

 

Guarda in alto il video della 72ª puntata

Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, giunge alla 72ª puntata e oggi, domenica 21 luglio 2019, ha ospite il neo assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, Manlio Messina (Fratelli d’Italia).

L’assessore spiega che pur nel solco della continuità con il suo predecessore, si sta mettendo in campo un’azione di promozione del sistema siciliano del turismo, “per permettere di dare un’offerta che parta da una seria programmazione. Un primo atto è stato l’approvazione del nuovo bando del Film festival di Taormina, che non costerà nulla alla Regione perchè sarà interamente sponsorizzato da chi vincerà il bando stesso e sarà a tre anni, in modo da programmare le attività nel triennio“. 

“Stiamo rafforzando le linee guida di stretta collaborazione fra il dipartimento turismo, l’Agricoltura e le attività produttive, in modo che anche quando promuoviamo la Sicilia all’estero, lo facciamo con un’offerta integrata che tenga conto dei vari settori strategici”. 

A proposito dell’azione di governo di Nello Musumeci, Manlio Messina getta acqua sul fuoco sulle perplessità espresse nei giorni scorsi da Giorgia Meloni riguardo alle scelte politiche del governatore: “Siamo stati i primi noi di Fratelli d’Italia a investire su Musumeci, lo sosteniamo lealmente e riteniamo sia l’unica persona valida che possa governare questa terra. Detto questo, dal punto di vista politico lui è il leader di Diventerà Bellissima e capiamo che debba tenere insieme la maggioranza”. Con riguardo alla frase, ormai celebre, di Musumeci che attribuiva a Fratelli d’Italia un risicato 2, 3 per cento (percentuale smentita dalle urne che hanno visto un buon risultato del partito della Meloni), dice “Il presidente Musumeci deve essere bravo a fare il governatore della Sicilia e non fare previsioni o sondaggi. A noi interessa che faccia bene il presidente della Regione, come del resto sta dimostrando di fare. Per nostra fortuna, quella profezia non si è avverata e Fratelli d’Italia ha oggi quasi l’8 per cento e noi siamo contenti di questo”. 

Guarda il video con l’intervista completa in alto

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.