A Bar Sicilia lo chef Peppe Giuffré ci prepara all'anno nuovo con la cassatella | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 137

A Bar Sicilia lo chef Peppe Giuffré ci prepara all’anno nuovo con la cassatella | VIDEO

di
27 Dicembre 2020
GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Una puntata speciale la numero 137 di Bar Sicilia, per festeggiare l’imminente arrivo dell’anno nuovo ma anche per dedicare un pensiero a un comparto dell’economia, quello della ristorazione, della gastronomia e del food a tutto tondo, che a causa del Covid ha dovuto fare i conti con un 2020 drammatico dal punto di vista degli affari (e non solo). Per questo il direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e il direttore editoriale Maurizio Scaglione sono andati a Trapani, ospiti del maestro cuciniere Peppe Giuffrè.

Durante la preparazione della prelibatezza, Giuffrè ha espresso il proprio pensiero di vicinanza ai colleghi, ma a anche mandato un messaggio di speranza per il futuro del settore: “Abbiamo bisogno di un economia circolare ispirata al nostro territorio – ha detto –, ai nostri cavolfiori, ai nostri finocchi, ai nostri pesci, al nostro cibo. Anche a tutti i nostri colleghi impegnati nell’asporto, che è l’unica cosa ancora a cui possiamo affidarci in queste festività, viste le restrizioni. Questo è un appello accorato, un ‘Help me!’ che serve per un comparto intero che si chiama Sicilia, e mi auguro che lo stesso appello sia fatto in tutte le regioni d’Italia, in tutti i Paesi d’Europa“.

Un appuntamento in allegria, durante il quale lo chef ha cucinato ‘la cassatella‘, cibo dell’antica tradizione legata del territorio del Trapanese. Attenzione, però: non si tratta della cassatelle dolci, quelle forse più conosciute dai ‘profani’ della cucina, ma di quelle salate: grossi ravioli di pasta ripieni di ricotta e immersi nel brodo di pesce.

E in un trionfo di colori, natura, genuinità e territorio hanno fatto l’ingresso in studio anche il cesto di frutta e verdura del produttore agricolo Peppe Ales, un ‘verduraio social’, come lo ha definito Giuffré: una raccolta di prodotti genuini che hanno reso onore alle eccellenze della nostra Isola.

Infine, dopo avere completato la preparazione e l’impiattamento della cassatella per la gioia dei palati dei suoi ospiti, che hanno proceduto a una (abbondante) degustazione, Giuffrè ha augurato buon anno a tutti gli ‘chef di Capodanno‘, quelli che si metteranno ai fornelli a casa durante questo San Silvestro di certo molto particolare: “Auguri di un buon anno di cuore – ha esordito il maestro cuciniere –, che sia un anno che ci lasci dietro tutte queste cose brutte, anche se altre non desidero cancellarle, perché anche in questi momenti ci siamo ritrovati con colleghi, mi sono sentito con amici e ci siamo rincuorati, ci siamo supportati. Desidero fare gli auguri più sinceri per presto poter uscire da questa situazione e ritornare ad abbracciarci a divertirci, a fare grandi cene“. Infine, appunto, il pensiero agli ‘chef di Capodanno’: “A chi si metterà un grembiule, “siano chef stellati o altri ristoranti, che siano di trattorie o che siano le mamme o le persone di casa, le donne o gli uomini che cucinano: a tutti auguri da parte mia, che sia un anno pieno di grandi soddisfazioni – ha concluso Giuffrè –, ma principalmente un anno di buona salute per tutti!“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin