A "Bar Sicilia" ospiti Gelarda e Callea (Lega): "Noi l'unica alternativa" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” ospiti Gelarda e Callea (Lega): “Noi l’unica alternativa” | VIDEO

di
17 Marzo 2019

 

Guarda in alto la 54ª puntata di “Bar Sicilia” 

Per la 54esima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica condotta da Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi domenica 17 marzo, sono ospiti Igor Gelarda, responsabile enti locali per la Sicilia e capogruppo a Palermo della Lega Salvini Premier, e Giovanni Callea, imprenditore, che da poco ha avuto l’incarico di occuparsi della comunicazione degli eventi della Lega in Sicilia, da un anno affidata al sottosegretario e senatore Stefano Candiani, che del Carroccio è il commissario regionale.

E’ la prima volta che esponenti della Lega sono ospiti nella nostra rubrica della domenica e alla domanda come un siciliano possa votare per i leghisti, Igor Gelarda risponde che “La Lega ha tolto da tempo il riferimento al Nord dal suo simbolo e oramai è una forza politica nazionale, che guarda soprattutto alle istanze che provengono dai territori, per ridare una speranza alla gente”. “Purtroppo – sottolinea – per anni i Siciliani hanno dato fiducia a quei politici che hanno tradito la nostra terra e le hanno voltato le spalle per fare esclusivamente i propri interessi. La Lega nei territori che ha governato al Nord, invece, ha avuto un grande consenso per la ragione opposta, perchè si è occupata degli interessi dei cittadini e ha ottenuto come risposta grande fiducia. Adesso è tempo che tutta Italia e la Sicilia possano scommettere sulle idee di buongoverno della Lega e i risultati molto positivi in Abruzzo e Sardegna dimostrano che i cittadini hanno capito e ci stanno dando fiducia”. 

Giovanni Callea, che negli anni passati è stato ideatore e direttore artistico di Kals’Art e suggerì al regista Wim Wenders l’idea che portò alla nascita del film “Palermo shooting“, spiega che “chi guarda alla cultura oggi non può che osservare la Lega con interesse e attenzione, perchè l’unica cultura possibile è proprio quella del riscatto dei territori. Palermo e la Sicilia hanno bisogno di rinascere, non soltanto politicamente ma anche culturalmente”.

Igor Gelarda, che insieme a Fabio Cantarella è responsabile degli enti locali del Carroccio, potrebbe essere fra i candidati alle prossime europee come il suo omologo catanese. In caso di candidatura, spiega che fra i principali punti che porrà al centro del programma c’è l’idea di istituire un pool di professionisti che siano messi a disposizione gratuitamente di comuni, enti e imprenditori, per occuparsi di fondi europei: “E’ necessario snellire le procedure per accedere ai fondi Ue. La Lega chiederà ad alcuni professionisti di occuparsene, per aiutare chi vuole presentare progetti europei ma non può farlo, perchè a volte mancano i progettisti e le competenze per occuparsi della parte burocratica. Fondamentale è anche il tema del lavoro, per dare un futuro ai nostri giovani, che non devono più abbandonare la Sicilia per cercare fortuna altrove, ma realizzarsi qui”. 

Guarda la 54esima puntata in alto

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco