A "Bar Sicilia" parliamo di "Non è l'arena" di Giletti con Miccichè e altri ospiti | VIDEO | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” parliamo di “Non è l’arena” di Giletti con Miccichè e altri ospiti | VIDEO

13 Ottobre 2019

 

Guarda in alto il video dell’80ª puntata

L’80ª puntata di “Bar Sicilia”, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 13 ottobre 2019, è dedicata alle polemiche nate a seguito delle ultime puntate di “Non è l’arena” di Massimo Giletti, in cui si è parlato di Sicilia, di politica isolana e di sprechi, veri o presunti del Palazzo.

Fer farlo, siamo andati a trovare Gianfranco Miccichè a casa sua, che con Giletti ha innescato una forte polemica a distanza. Oltre al presidente dell’Ars, abbiamo intervistato anche il parlamentare dell’Udc Vincenzo Figuccia, che invece è stato più volte ospite a “Non è l’Arena”, e Alessandro Aricò, capogruppo di “Diventerà bellissima” a Palazzo dei Normanni, il movimento del presidente della Regione Musumeci che non ha usato parole tenere nei confronti della trasmissione de La7, rea per gli esponenti di questo movimento, di dare “un’immagine distorta” della Sicilia.

“La Sicilia è cambiata – sottolinea Miccichè –  trent’anni fa l’Isola era disperata e nelle mani della mafia, con una politica in parte asservita alla criminalità, la gente viveva soltanto di carrozzoni, non si produceva nulla. Oggi c’è stata una crescita complessiva fra i Siciliani. Certamente, ci sono i problemi e sono tanti, ma rispetto al passato è un abisso. Ricordate quando a Palermo c’era l’acqua razionata? Ogni famiglia doveva usare l’autoclave. Oggi siamo in un altro pianeta rispetto a trent’anni fa”.

“La gente oggi sta male? – aggiunge – Sì, perchè i problemi ci sono sempre, visto che le cose si possono sempre fare meglio, ma quello che respingo è l’accanirsi contro la Sicilia. Gli scandali da raccontare sono quelli dei fondi che lo Stato deve alla Sicilia e non li vuole dare, non certo le divise dei commessi o il problema dei vitalizi, che abbiamo già tagliato nel 2011″. 

Noi de ilSicilia.it abbiamo provveduto, con una lettera inviata a “Non è l’arena”, a invitare lo stesso Giletti per una futura puntata di “Bar Sicilia”, per consentirgli di venire in trasmissione – se lo vorrà -per confrontarsi sulla Sicilia.

Guarda in alto il video dell’80ª puntata

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.