A "Bar Sicilia" Sammartino (Italia Viva): "Il governo Musumeci cambi marcia" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Sammartino (Italia Viva): “Il governo Musumeci cambi marcia” | VIDEO

di
24 Novembre 2019

 

Guarda in alto il video della 86ª puntata

A “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 24 novembre 2019, per la 86ª puntata è nostro ospite Luca Sammartino, presidente della “V commissione Cultura, Formazione e Lavoro” dell’Ars ed esponente di “Italia Viva“, la nuova formazione politica di Matteo Renzi.

“Abbiamo tenuto a battesimo Italia Viva anche in Sicilia – sottolinea Sammartino – con una grande manifestazione a Catania. Abbiamo l’ambizione di voler raccontare nei territori un’Italia che non si arrende al qualunquismo ma che vuole mettere in campo proposte utili ai nostri concittadini nella grande assenza che la politica in questi anni ha dimostrato. Non parliamo di Centro, ma vogliamo superare queste categorie, siamo dall’altra parte rispetto agli estremismi, rispetto agli antieuropeisti e ai sovranisti, ma vogliamo andare oltre il Centro. Siamo in una nuova fase politica: c’è uno spazio per gli italiani normali, che vogliono mettere in campo proposte concrete che abbiano per fondamento la voglia di tornare a fare politica”.

Uno sguardo anche alla Sicilia e all’attuale assetto regionale: “Il mio giudizio sull’esperienza del governo Musumeci è di un governo che ha ereditato tante difficoltà che hanno la necessità di un esecutivo che – sia sui conti che sulla proposta – deve iniziare a far capire ai Siciliani la propria idea di Sicilia. Vedo, però, che manca una visione: l’auspicio è che Musumeci cambi marcia dopo la parifica della Corte dei conti. Vedo un governo assente e immobile sui grandi temi, sulla grande vertenza Sicilia: stare a guidare la Regione senza una visione non fa bene né a lui e neanche ai Siciliani”. 

Rispetto alla politica nazionale e a Renzi che sta al governo criticando però ogni giorno le altre forze di maggioranza, soprattutto Pd e 5 Stelle, Sammartino precisa che “quelle di Renzi sono proposte, non bordate. Noi non vogliamo minare il campo di un governo nato dopo il Papeete. Semmai proponiamo temi e questo non vuol dire assecondare necessariamente le scelte che il governo mette in campo se non c’è dialogo. La politica è dialogare fra le forze che oggi costruiscono la maggioranza del governo Conte bis e che hanno a cuore i prossimi mesi e i prossimi anni del nostro Paese. Io spero che le nostre proposte siano sostenute da tutti, perchè – come il Piano infrastrutturale choc – sono rivolte al bene del Paese e per questo vorremmo che siano accolte anche dalle minoranze, da Forza Italia, dalla Lega e da Fratelli d’Italia”. 

Guarda in alto il video della 86ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Saghe familiari: Ray Donovan, Peaky Blinders

Ci sono serie o miniserie tv diverse dalle altre perché piuttosto che raccontare le vicende di singoli personaggi hanno come protagonisti degli interi gruppi familiari. In questi casi le  dinamiche narrative sono diverse, più complesse ed articolate e si sviluppano  in  storie totalmente

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin