20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

La rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” si celebra la Festa dei Morti con Gaetano Basile e Peppe Giuffrè | VIDEO

28 ottobre 2018

 

Guarda in alto il video della 34ª puntata 

È una puntata speciale questa 34ma di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it condotta da Alberto Samonà e Maurizio Scaglione. Oggi, domenica 28 ottobre, abbiamo, infatti, due ospiti d’eccezione: Gaetano Basile, giornalista, scrittore, storico e studioso di tradizioni e di Sicilia, e Peppe Giuffrè, artista della grande cucina, o “cuciniere” come ama farsi chiamare.

Due maestri assoluti che ci raccontano aneddoti e curiosità della Festa dei Morti, che si celebra il 2 novembre e che – soprattutto da noi in Sicilia – conserva memoria di antiche tradizioni.

Una festa dei bambini, ma anche per il palato, grazie ai particolari dolci che vengono preparati per l’occasione. Una Festa, che riconcilia e riunisce coloro che sono vivi e i nostri cari, i nostri defunti, che però da lassù continuano a vegliare per noi. Una Festa, appunto, perché quella dei Morti – come ricorda Basile – non è una ricorrenza lugubre, ma l’occasione per festeggiare chi ci ha voluto bene. Una festa che tuttavia rischia di scomparire, sommersa dalle mode contemporanee.

Nella puntata è d’obbligo parlare della cosiddetta “pupaccena”, ma anche delle muffolette, degli “ossi dei Morti” e di tutte le specialità di questo periodo, grazie anche a un maestro della buona tavola come Peppe Giuffré, che per l’occasione ha portato in redazione alcune vere e proprie opere d’arte, cioè i tradizionali “pupi di zucchero” che ritraggono i paladini e altri variopinti personaggi.

Buona visione con la 34ª puntata di Bar Sicilia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.