A Bar Sicilia si parla dei lavoratori regionali con Matranga e Minio del Cobas Codir CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 185

A Bar Sicilia si parla dei lavoratori regionali con Matranga e Minio del Cobas Codir CLICCA PER IL VIDEO

di
16 Gennaio 2022

CLICCA PER IL VIDEO

La puntata numero 185 di Bar Sicilia è dedicata al mondo dei lavoratori della Regione siciliana: il direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e il direttore editoriale Maurizio Scaglione sono stati ospiti di Dario Matranga e Marcello Minio, fondatori del sindacato Cobas Codir, il più rappresentativo dei dipendenti della Regione siciliana, per parlare di contratti, smart working, concorsi, livelli stipendiali, falsi miti e tanto altro.

Primo argomento, i presunti privilegi dei lavoratori regionali, falso mito messo in cantina da Dario Matranga:

Dario Matranga

Potremmo dire ‘C’era una volta il dipendente regionale’ – afferma -, nel senso che tanti anni fa i dipendenti regionali erano lavoratori che sicuramente, in virtù dell’applicazione anche di un articolo dello Statuto della Regione Siciliana, se la passavano un po’ meglio dei dipendenti dello Stato e dei dipendenti comunali. Oggi i dipendenti regionali non hanno nulla per cui essere, tra virgolette, invidiati dagli altri dipendenti. Sono lavoratori normali, che svolgono la propria attività, che vedono misurate le performance della propria attività attraverso sistemi di misurazione che sono uguali in tutta la pubblica amministrazione italiana. La verità è che sui dipendenti Regionali si sono costruite tante favole“.

Da sfatare, secondo il Cobas Codir, anche il mito di una Regione siciliana affollata da dipendenti. La situazione per Marcello Minio è ben diversa: “La Regione Siciliana per tutte le competenze che ha rispetto alle altre regioni d’Italia è sotto organico. Da Reggio Calabria in su, le competenze in carico oggi alla Regione Siciliana sono

Marcello Minio

gestite dai ministeri dello Stato. Se consideriamo poi che, per esempio, comuni come Roma, Napoli o Palermo hanno dipendenti in numero forse anche superiore a quelli della Regione siciliana, ci accorgeremo che questi ultimi non sono assolutamente moltissimi. Avere bandito i nuovi concorsi in questo modo, riteniamo che sia solo una pezza per porre rimedio ai grandi vuoti di organico della Regione“.

Tema di grande attualità, e non soltanto a causa della pandemia da Covid 19, è quello dello smart working per i lavoratori regionali: “E’ la grande sfida di questo inizio millennio – spiega Dario Matranga – Se la Regione Siciliana vuole essere al passo con i tempi, al di là dell’aspetto pandemico, deve sapere sfruttare questo momento per fare quel passo in più in termini di dematerializzazione e digitalizzazione del procedimento amministrativo, in modo tale che ci sia un’amministrazione sempre più digitale e il cittadino, con lo spid o con la carta d’identità elettronica, possa partecipare ai concorsi, possa partecipare ai bandi, possa chiedere informazioni e possa accedere a distanza ai servizi, senza doversi comunque recare presso l’ufficio. Quello che noi chiediamo come sindacato alla Regione è di adeguarsi a questo e non frenare sullo smart working”.

Altra questione che vede il sindacato impegnato in prima linea è quella del rinnovo dei contratti: “Lavoriamo per difendere i diritti dei lavoratori regionali – spiega Marcello Minio –, calpestati, negli 30-40 anni, da una nomea che è stata sempre attribuita a questa categoria e che ha causato ritardi o addirittura non ha consentito il riconoscimento dei diritti dei dipendenti regionali, per paura di finire sulla stampa e di essere crocifissi come erogatori di benefici alla categoria. Aldilà di questo ragionamento, finalmente siamo riusciti a chiudere degli accordi che hanno sanato delle situazioni particolari. Adesso siamo tutti impegnati per il prossimo rinnovo del contratto di lavoro che ci vede, diversamente dal passato quando alla Regione Siciliana le cose si facevano molto più velocemente che nello Stato, arrancare dietro ciò che fa lo Stato, che oggi approva i contratti nei suoi reparti di competenza molto prima della Regione, mentre noi dobbiamo subire ritardi inaccettabili“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.