A Bar Sicilia si parla di giornalismo col presidente dell'Ordine regionale Roberto Gueli CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 186

A Bar Sicilia si parla di giornalismo col presidente dell’Ordine regionale Roberto Gueli CLICCA PER IL VIDEO

di
23 Gennaio 2022

CLICCA E GUARDA IL VIDEO IN ALTO

E’ il Presidente dell’Ordine regionale dei Giornalisti Roberto Gueli l’ospite della puntata numero 186 di Bar Sicilia, con il quale il direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e il direttore editoriale Maurizio Scaglione si sono confrontati sullo stato di salute dell’informazione in Sicilia, sulle fake news, sul futuro della professione, sulle notizie che riguardano il Covid e su tanti altri temi.

Ed è proprio dalle news che riguardano il coronavirus che si comincia: “L’informazione indubbiamente deve esserci – afferma Gueli – e deve essere anche abbastanza corposa perché, piaccia o meno, noi a casa di cosa parliamo? Parliamo di tante cose, certo, ma l’argomento principale è il Covid, parliamo di chi lo ha avuto e chi no, ci facciamo piccole domande o parliamo di amenità che in realtà non sono tali: i numeri, i famosi numeri di cui si parla tanto, questo appuntamento che ci trasciniamo quotidianamente da due anni. Io sono dalla parte di chi deve informare e deve farlo anche magari un po’ di più rispetto al al solito, rispetto a quello che può essere un normale cabotaggio dell’informazione, che però deve essere fatta con impegno e da esperti. Per questo l’Ordine dei giornalisti di Sicilia ha in programma un convegno per spiegare ai colleghi quali sono le terminologie, gli allarmismi da evitare e l’appiattimento di informazione legata al Covid”.

Roberto Gueli

Negli ultimi decenni la professione giornalistica ha visto in Italia la nascita di diverse Scuole di Giornalismo. Anche Palermo, in passato, ha vissuto questa esperienza, salvo poi dover registrare la chiusura della Scuola. Ad oggi, a Sud di Salerno, come ricorda lo stesso Gueli, non esistono Scuole di Giornalismo: “E’ incontrovertibile che la scuola di giornalismo in Sicilia non c’è. Io ho fatto anche il commissario d’esame in questi anni all’Ordine dei giornalisti e quando il segretario della commissione tirava fuori il report sulle scuole di giornalismo, vedevamo appunto che le scuole si fermavano a Salerno. E’ inevitabile che questa è una geografia che ci taglia fuori dal corpo centrale dell’ informazione. E’ mio auspicio, che devo condividere con il Consiglio dell’Ordine e lavorando in simbiosi con l’Assostampa di Sicilia e  ovviamente con le Università, riprendere questo argomento. La scuola di giornalismo in Sicilia sarà uno dei punti di riferimento della mia presidenza“.

Tema ‘caldo’ è la crisi dell’editoria e il suo rapporto con la proliferazione delle tecnologie: queste ultime sono una risorsa o una minaccia per il giornalismo? “L’editoria non è più quella che magari noi abbiamo seguito da da ragazzi, che era sostanzialmente formata dalla carta stampata e dalle televisioni generaliste. E’ stata superata dalla digitalizzazione. L’evoluzione della tecnologia non si può bloccare, quindi non si può bloccare neanche l’evoluzione della tecnologia applicata al giornalismo. Ritengo che la crisi della carta stampata, che è una crisi veramente notevole, deve essere arginata rimettendosi al passo coi tempi. E’ vero, ci sono gli aiuti di Stato, quelli anche a livello regionale, come mi ha confermato anche il presidente Musumeci che io ho avuto il piacere di incontrare come presidente dell’Ordine regionale dei Giornalìsti, però è anche vero che bisogna muoversi dal punto di vista tecnologico. Ci sono alcuni giornali che non hanno quella spinta legata alla multimedialità e che quindi sono rimasti un po’ indietro. Quella è una crisi che è difficile da arginare. La crisi dell’editoria è differenziata“.

Anche considerato il periodo pandemico in corso, non poteva mancare un passaggio sulla proliferazione delle fake news: “Le fake news non sono l’errore che abbiamo fatto tutti noi giornalisti in buona fede. Il problema è inventare le notizie per causare un danno a qualcuno. Le fake news spesso sono questo, un danno, una notizia finta che si crea per fare allarmismo. Cosa prevede, invece, il manuale del bravo giornalista? Confrontare le fonti, cercare di fare una telefonata in più e non avere l’ansia di arrivare prima degli altri per dire, faccio un esempio citando una fake realmente diffusa, che Raiola sta morendo. Perché poi, purtroppo, c’è l’effetto Domino: scrive uno e tutti gli vanno appresso“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.