A "Bar Sicilia" si parla di porti con Pasqualino Monti: "Un grande progetto di rilancio" | VIDEO | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” si parla di porti con Pasqualino Monti: “Un grande progetto di rilancio” | VIDEO

di
24 Marzo 2019

 

Guarda in alto il video della 55ª puntata

Per la 55ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 24 marzo 2019, è ospite Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale.

Una puntata a tutto campo sulle strategie dei porti di Palermo, Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle, che ci vede ospiti, per oggi, al Porto di Palermo, “un luogo – come dice il presidente di quella che un tempo si chiamava Autorià Portuale – che si sta aprendo alla città e deve tornare ad essere strategico per Palermo, in cui il rapporto con il mare è irrinunciabile”. 

Riqualificazione dei porti della Sicilia occidentale già in atto e – ricorda Pasqualino Monti – “grazie anche al finanziamento Pon di 102 milioni di euro (presentato alcuni giorni fa in conferenza stampa con il viceministro Rixi, ndr), potremo completare una serie di azioni, necessarie per il sistema portuale siciliano. Si sta cercando di creare le condizioni per portare una reale crescita economica dei territori che si affacciano sui quattro scali del nostro sistema portuale”.

“A Palermo – sottolinea Monti – abbiamo trovato una situazione sconcertante, totalmente squalificata. Un’organizzazione che non aveva idea di cosa fosse il mercato di riferimento per un porto. La prima cosa da ricostruire è stata far comprendere cosa vuol dire essere un nodo strategico per le città e i territori in cui si trovano i porti. Il primo segnale è stato riqualificare il porticciolo di Sant’Erasmo, per restituirlo ai cittadini di Palermo, che per anni hanno dato le spalle al mare. Siamo partiti da lì e poi da questo intervento abbiamo attivato ben 42 cantieri”. 

In merito agli interessi cinesi, di cui si è molto parlato in questi giorni, Pasqualino Monti spiega che “il problema del nostro Paese è di fare una scelta, se vuole essere protagonista del proprio futuro o se preferisce essere conquistato; noi abbiamo una storia, siamo un Paese meraviglioso, dobbiamo solo essere consapevoli di ciò che va fatto per governare i processi di mercato; se cominciamo ad aprire le nostre porte senza avere idea di come governare questi flussi, ciò porterebbe il risultato di perdere fette di economia, a favore di soggetti non italiani che vengono qui non certo per fare una cortesia all’Italia, ma perchè vedono nell’Italia la possibilità di sviluppare un proprio business. Chi viene nel nostro Paese per investire lo fa per cogliere un’occasione e noi dobbiamo dare questa occasione, ma governare questi processi”. 

Guarda in alto il video della 55ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti