A Bar Sicilia Trizzino sulla candidatura a sindaco di Palermo e sullo scontro Conte-Grillo nel M5S | VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 164

A Bar Sicilia Trizzino sulla candidatura a sindaco di Palermo e sullo scontro Conte-Grillo nel M5S | VIDEO

di
4 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Lo scontro tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte per la leadership del Movimento 5 Stelle, la candidatura a sindaco di Palermo, il governo Draghi, l’ambiente e la transizione ecologia: questi e tanti altri gli argomenti toccati durante la puntata numero 164 di Bar Sicilia, che ha visto ospite del direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e del direttore editoriale Maurizio Scaglione il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Giampiero Trizzino.

Prima domanda sulla possibile candidatura alla carica di sindaco di Palermo di Giampiero Trizzino, che conferma: “Ci proviamo. Palermo è una sfida per me di grande importanza perché è la mia città, la città che amo. Noi abbiamo abbiamo lanciato questa sfida, adesso è tutto in divenire, anche la possibilità di fare alleanze. Il movimento, lo avete letto in questi giorni, è in una situazione un po’ di difficoltà. Dobbiamo rialzarci e poi aprire le danze con possibili lavori in comune, da soli o con altri“.

Nessun trinceramento da parte di Trizzino, che risponde sulla sua posizione riguardo al conflitto interno ai Cinquestelle, lo psicodramma che vede protagonisti Grillo e Conte, e la possibile frattura: “L’unico simbolo che riconosco è quello dei 5 Stelle. Non mi sono allontanato dal mio gruppo nonostante le difficoltà, che non ho mai mancato di rappresentare, e nonostante il fatto che non fossi per nulla d’accordo al governo Draghi, cosa che ho manifestato ancor prima che ci fosse la fiducia. L’unica mia richiesta è che si esprimano gli attivisti del MoVimento 5 Stelle“.

Il deputato regionale non manca di sottolineare gli errori del M5S: “Le transizioni sono positive quando si migliora la situazione di partenza – afferma, riferendosi alle evoluzioni pentastellate –, è vero che il M5S ha fatto degli errori con dei cambiamenti rispetto quello che era in origine: eravamo opposizione, siamo diventati movimento di governo con la Lega prima, con il Pd poi, con Draghi adesso, quest’ultima scelta che io non ho condiviso. Però devo dire che sono state fatte grandi cose a livello nazionale, per esempio quando avevamo Sergio Costa alla dicastero dell’Ambiente”.

Determinata la presa di posizione in termini di giudizio sull’amministrazione comunale di Orlando a Palermo e la risposta a un’eventuale convergenza col primo cittadino per le amministrative del 2022, magari sponsorizzata dal Pd: “No, senza mezzi termini – taglia corto Trizzino – e deve essere chiaro a tutti. Io non posso avviare una campagna elettorale, qualora mi fosse concesso di farlo, cambiando quello che ho sempre detto su questa amministrazione. A Palermo c’è una situazione disastrosa: dal sistema dei rifiuti ai cimiteri, passando alla gestione Amap  fino al manto stradale. Dal 2017 siamo all’opposizione in consiglio comunale, chiuderemo questa sindacatura all’opposizione e il Movimento 5 stelle si presenterà in opposizione a quello che è stato fatto finora da Orlando. Poi se il Pd si vorrà smarcare da Orlando e sostenere questa candidatura, bene. Altrimenti Amen“.

Giampiero Trizzino è responsabile Ambiente del M5s: critico il giudizio sull’operato del ministro alla Transizione ecologica Roberto Cingolani: “Cingolani non è un Ministro dei 5 Stelle e noi abbiamo sbagliato a sostenere l’idea che lo fosse – afferma il deputato regionale –, lo ha detto tra l’altro lui di non essere dei 5 Stelle. Prima ancora che ci fosse il voto degli attivisti sulla piattaforma Rousseau io manifestai delle perplessità, prima ancora di conoscere il candidato: dissi che questa fusione tra ministeri poteva essere pericolosa perché se non gestita bene non sarebbe servita assolutamente a nulla“.

Nel finale, una battuta sulla possibilità del recupero dei rapporti tra Grillo e Conte: “La politica non è come un’amicizia, che poi ti vai a prendere una birra e chiarisci, ci sono un miliardo di compromessi: io l’ho detto un miliardo di a volte, è necessario che ci sia il coinvolgimento degli attivisti e dei portavoce, perché sono stati letteralmente estromessi da questo dibattito“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro