A "Bar Sicilia" un augurio speciale con Peppe Giuffrè e Salvo Piparo, fra cibo e tradizione | VIDEO | ilSicilia.it :ilSicilia.it

A “Bar Sicilia” un augurio speciale con Peppe Giuffrè e Salvo Piparo, fra cibo e tradizione | VIDEO

di
30 Dicembre 2018

 

Guarda in alto il video della quarantatreesima puntata

È una puntata speciale questa quarantatreesima di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione:  oggi, domenica 30 dicembre, abbiamo due ospiti d’eccezione: Salvo Piparo, teatrante palermitano molto amato dal pubblico, e Peppe Giuffrè, artista della grande cucina, o “cuciniere” come ama farsi chiamare. Una puntata straordinaria, per dare addio al 2018 e dare il benvenuto al nuovo anno, con la partecipazione anche dell’assessore regionale ai Beni culturali della Regione Siciliana Sebastiano Tusa, in una veste decisamente insolita.

Una puntata, con il nostro bar della domenica allestito in una cornice unica, “Io.bio“, un giardino biologico nel cuore di Palermo, con una sala adibita alla ristorazione e prodotti agricoli certificati coltivati in loco in uno spazio esterno straordinario.

Peppe Giuffrè sottolinea come il nuovo anno sarà all’insegna della tradizione: “Una cucina consapevole, anche economica. Qui siamo come nella casa del contadino, in cui ciò che si raccoglie si cucina. Il 2019 lo dedicherei a tutto ciò che c’è di naturale. E la cucina naturale, consapevole, significa tornare a zappare la terra”. Salvo Piparo ci racconta le differenze fra il presepe tradizionale e quello dei tempi moderni, “in cui invece dei pastorelli ci sono i personal trainer, gli influencer, i coach motivator, i wedding planner. Ci sono parole nuove, c’è il progresso, ma non dimentichiamo la genuinità: i lenticchie e u baccalà a sfinciuni”.

E dopo una passeggiata nel giardino, in cui oltre alle verdure e ai prodotti della terra vi sono anche diversi animali, ci spostiamo in cucina, dove Peppe Giuffrè si esibisce nella preparazione di un piatto prelibato, alla presenza dell’assessore Sebastiano Tusa, che ci ricorda come il cibo e l’enogastronomia sono cultura, perché sono una parte non indifferente della nostra identità culturale.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin